Visualizza messaggio singolo
  #19  
Vecchio 14-11-2008, 09.56.07
luca
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Alitaglia: è ora di finirla, con questa gente. Ma di finirla davvero

Riccardo Cortinovis wrote:[color=blue]
>
> "luca" <luca_remove@alice.it> ha scritto nel messaggio
> news:MVJRk.21336$8%.10730@tornado.fastwebnet.it...[color=green]
>>
>> io spero che scioperino e portino l'alitalia al fallimento definitivo.
>> Questo avrebbe parecchi vantaggi e nessun svantaggio:
>>[/color]
>
> Di svantaggi ce ne sono parecchi:
>
> -La perdita di posti di lavoro nell'indotto aeroportuale che alcuni
> dicono potrebbe essere più dei dipendenti si Alitalia.
>
> -Il costo degli ammortizzatori sociali di tutto il personale senza
> lavoro che, ad occhio, ammontano in un anno ai debiti di Alitalia.
>
> -Il mancato introito delle tasse dei lavoratori che con CAI potrebbero
> continuare a lavorare. Queste tasse pagano da sole gli ammortizzatori
> sociali per chi non viene assunto da CAI e, nel lungo periodo, anche
> quanto lo Stato spende per i debiti CAI.
>
> -Il mancato PIL dovuto ad un prevedibile calo del turismo per il minore
> numero di voli verso l'Italia per il periodo necessario a rimpiazzare
> tutti i voli che offre ora Alitalia.
>
> -Il fatto che l'offerta Air France voleva rendere Alitalia solo un
> vettore regionale perchè l'obiettivo era di portare i viaggiatori
> intercontinetali a Parigi o Amsterdam lasciando a Alitalia solo il
> piccolo e medio raggio. Air France avrebbe sfruttato il monopolio
> Alitalia (che riguarda la rotta Linate-Fiumicino e tutte le rotte
> intercontinentali eccetto quelle verso i paesi europei e del nord
> America) per impedire che altre compagnie potessero operare voli
> intercontinantali dall'Italia verso destinazioni redditizie come quelle
> verso l'oriente.
> Infatti, non so se ricordi, l'offerta di Air France è stata ritirata
> immediatamente dopo che si è saputo di una comunicazione riservata tra
> Enac e Air France nella quale si confermava che, anche con la vendita,
> Alitalia avrebbe conservato il monopolio.
> CAI, grazie agli ordini di A330 di Air One, invece avrebbe la
> possibilità di espandere proprio le rotte intercontinentali che mancano
> ora ad Alitalia.[/color]

Ho alcuni dubbi sulle cose che scrivi (sei sicuro che la cassa integrazione vada
pagata ai dipendenti alitalia anche in caso di fallimento?). Non essendo un
esperto di diritto del lavoro, faccio un passo indietro, ma ho i miei dubbi.
Per quanto riguarda l'indotto, fallendo l'alitalia, esso sarebbe almeno in parte
assorbito da altre aziende che occuperebbero lo stesso spazio di mercato, per
cui non può essere presentato come perdita secca.
Ad ogni modo, rimane il discorso generale che non si può continuare a salvare
aziende che non si autoalimentano con i soldi dello stato, perchè questo
strangola anche le aziende sane (che invece potrebbero autoalimentarsi) in due
modi:

1) troppe tasse e troppo alte
2) servizi inefficienti che aumentano i costi

se questa strada non si è mai presa in passato, è ovvio che prenderla oggi è
ancora più doloroso perchè sia la classe imprenditoriale che quella lavorativa
sono disabbituati a essere seri e ad esigere serietà dagli altri (aziende, stato
e governo inclusi). Vogliono che lo stato intervenga e si accolli i debiti.

[color=blue][color=green]
>> PS: Ma un Obama per noi niente? se non c'è nero, va bene pure di
>> un'altro colore...[/color]
>
> Forse più che un Obama, visto che si deve trattare con il settore aereo,
> sarebbe meglio un Reagan.[/color]

Lasciamo pedere. Rischiamo di stare a fare una lunga discussione "da bar".
Hai letto qualcosa di Obama? io sto leggendo il suo libro e devo dire che lo
trovo molto convincente per visione e chiarezza di pensiero (incluso l'economia).

Luca
Rispondi citando Condividi su facebook