www.ForumViaggiare.com

Links Sponsorizzati


Torna indietro   www.ForumViaggiare.com > ForumViaggiare > Viaggi Forum Principale

Tags: , ,

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Vecchio 03-09-2010, 10.23.13
o'neill
 
Messaggi: n/a
Predefinito [RECE] una settimana in Andalucia

Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010

15 maggio
Il volo Ryanair Cagliari-Siviglia decolla per atterrare puntualissimo
a Siviglia alle 20.50 (piacevole sorpresa, c'è ancora luce!!!).
Ritiriamo il bagaglio e ci rechiamo presso il desk della Hertz presso
la quale abbiamo prenotato un'auto. La simpatica signorina ci consegna
le chiavi di una fiammante Chevrolet Aveo, un paio di minuti per
capire come aprire il portabagagli e partiamo, direzione Siviglia
città. Mi somo portato appresso un navigatore satellitare, che in
alcune situazioni si rivelerà poco aggiornato, ma ci porta
tranquillamente a destinazione, presso l'Hostal Jentoft (prenotato
tramite Booking.com), poco fuori dal centro, con parking privato e
vicinissimo al Ponte di Triana. Una rapida doccia e via per la cena,
ci dirigiamo a piedi verso la Alameda. Non c'è tantissima gente in
giro, forse perchè è in svoglimento una partita del Siviglia, ultima
di campionato, decisiva per l'accesso alla Champions League). Ci
fermiamo a mangiare un boccone in un kebab e poi andiamo sull'Alameda
dove c'è in svolgimento un concerto rap, ci tratteniamo un pò ma il
rap non fa per noi, ragion per cui ci incamminiamo lentamente verso
l'hostal, ma prima facciamo una veloce puntatina oltre il Ponte di
Triana, lungo la Calle Betis, dove si trovano diversi tapas bar e
localini di varia fattura.
16 maggio
Sveglia con calma, è domenica, e conoscendo i ritmi degli spagnoli ce
la prendiamo comoda pure noi... abbondante colazione in Hostal e via a
piedi per la città, la prima tappa è Plaza de Espana. Percorriamo il
Paseo de Colon che costeggia il Guadalqivir, oltrepassiamo la Torre
dell'Oro, passiamo con sommo disinteresse davanti alla Plaza de Toros
(carina la struttura, ma non ciò che avverrà la sera all'interno...),
proseguiamo lungo il Paseo de Las Delicias, ci inoltriamo nel verde
del Parque de Maria Luisa, e infine arriviamo in Plaza de Espana, che
purtroppo è per oltre metà chiusa per lavori di ristrutturazione.
Anche dimezzata è comunque fantastica, con le ceramiche che raccontano
la storia delle provincie spagnole. Ci tratteniamo a lungo, estasiati
dalla bellezza della piazza. Riprendiamo la nostra camminata, in cerca
di un posto dove "tapear", visto che sia la guida Routard, sia tutti i
siti dai quali abbiamo raccolto informazioni, ci suggeriscono di
provare i vari tipi di tapas. Ci imbattiamo invece in una simpatica
manfestazione che si teneva nei Jardines del Prado San Sebastian: La
Fragua de Vulcano, un mercatino "a tema" medievale, che era lì per il
fine settimana, dove tutti i venditori ambulanti erano vestiti in
abiti medievali, e c'erano diverse tabernas dove poter mangiare e
bere. Restiamo incuriositi da un'esposizione molto interessante di
uccelli rapaci con un falconiere in abiti medievali che a richiesta (7
euro...) ti mette un falco sul braccio (con l'apposito guanto di
protezione) per una costosa foto ricordo... non accogliamo l'invito.
Inutile dire che abbiamo pranzato lì, sotto i variopinti tendoni con
le urla delle locandiere che facevano da sottofondo!!! Molto
caratteristico e simpatico. Dopo esserci rifocillati a dovere con
delle saporite salsicce arrosto ci incamminiamo verso la Cattedrale,
che la domenica apre alle 14.30. Mancano cinque minuti all'apertura,
ci mettiamo in fila e attendiamo il nostro turno. La guida e i
racconti letti in rete dicono che la domenica pomeriggio la visita è
gratuita, invece si paga il biglietto, ma non è un problema, la visita
vale sicuramente il prezzo del biglietto! La cattedrale è immensa, e
racchiude all'interno innumerevoli opere, tra le quali la tomba di
Cristoforo Colombo (sarà quella vera?). Una breve sosta sotto gli
alberi nel Patio degli Aranci, e si inizia la salita sulla Giralda, la
celeberrima torre campanaria della Cattedrale. Si sale per le 34 rampe
(la torre non ha scale, si dice che il muezzin ci salisse a cavallo)
per godere di una fantastica vista della città dai 4 punti cardinali.
Scesi dalla Cattedrale ci rechiamo a visitare i Reales Alcazares, il
vecchio palazzo reale, circondato da patii e giardini di estrema
bellezza, dai quali siamo rapiti e ci intratteniamo a lungo in questa
oasi di pace e tranquillità! Una volta usciti ci immergiamo nei
vicoletti del Casco Historico, con le sue piazzette e le sue case
bianche, poi rientriamo verso l'Hostal percorrendo il quartiere
dell'Arenal. Ci rinfreschiamo e nuovamente per strada, ad ammirare il
tramonto sul Guadalqivir e ci mettiamo alla ricerca di un tapas bar
per cenare con le tapas e una cerveza ghiacciata! Ma prima facciamo un
bel giro nel caratteristico quartiere di Triana, una città nella
città! Si dice che gli abitanti di Triana ci tengano a distinguersi
dai sevillani (non a caso vediamo in diversi negozi di souvenir delle
magliette che recano la scritta TRIANA REPUBLICA INDEPENDIENTE!). Ci
fermiamo in calle Betis, per la cena e per godere in relax il fresco
del lungofiume.
17 maggio
Dopo la colazione lasciamo l'hostal, e ci dirigiamo verso Triana, dove
facciamo tappa al mercato rionale. Compriamo pane, acqua e jamon
serrano per il pranzo al sacco. Il mercato è molto caratteristico ma
essendo relativamente presto non è ancora molto trafficato. Recuperata
l'auto ci incamminiamo, la prossima tappa è Tarifa. Consultando la
guida decidiamo di far tappa, lungo strada, in qualche paesino
caratteristico. Scegliamo Arcos de la Frontera. Lungo la strada ci
fermiamo anche a Espera, un minuscolo paesino di case bianche (come
tutti i paesini della zona), dove facciamo un breve giro a piedi.
Altri 20 km. e siamo ad Arcos, parcheggiamo (ci stupisce assai il
fatto che in un paesino così piccolo ci sia un multipiano interrato su
5 livelli!) e ci incamminiamo verso il centro, attraverso strade molto
strette e ripide fino ad arrivare alla plaza del Cabildo, dove c'è la
chiesa, un hotel, un ufficio turistico (gli spagnoli sono molto
organizzati sotto questo punto di vista) e un balcone panoramico,
ottimo per scattare delle foto alla vallata e sostare per il nostro
pranzo al sacco. Troviamo anche un convento dove le suore vendono i
dolci, vorremmo comprarne qualcuno, ma siamo fuori orario e non
abbiamo voglia di aspettare due ore per la riapertura post-siesta
delle sorelle! Prendiamo anche un caffè in un bar, forse il migliore
preso in Spagna (noi italiani siamo troppo esigenti con il caffè!).
Riprendiamo quindi la via verso sud. Ci dirigiamo verso Jerez per
riallacciarci all'autopista del Sur e la Autovia de la Costa de la Luz
che ci porteranno a Tarifa. Poco prima di arrivare deviamo per Vejer
de la Frontera, un grazioso paese arroccato su una collina. E' davvero
meraviglioso, con le sue mura fortificate, le viuzze strette e le
solite case bianche. Ci compriamo qualche ricordino a buon prezzo in
un negozio di souvenir. Vediamo anche la statua dedicata alla mujer
vejeriega (si dice che fino a poco tempo fa i turisti che passavano
per Vejer si imbattevano in una vecchina completamente vestita di
nero, alla quale il comune ha dedicato questo monumento). La maggior
parte delle case qui ha un ingresso con decorazioni in ceramica e la
maggior parte degli abitanti lo lasciano aperto per poterlo far
ammirare a chi passa. Sono uno più bello dell'altro... sosta al bar
per una bibita (qui si stupiscono se ordini solo da bere, in genere
mangiano qualcosa a qualsiasi ora!). Riprendiamo la via per Tarifa.
Sulla strada vediamo una tartaruga che lemme lemme attraversa la
strada... un pò ci pentiamo di non esserci fermati per toglierla da
mezzo alla carreggiata... sperando, dato che la strada non è granchè
trafficata, che ce la faccia e non vada incontro ad una brutta fine!
Poco prima di entrare in città deviamo in una strada laterale che
porta alle spiagge! La vogliamo vedere. La spiaggia non è male, sabbia
bianca, molto lunga, il mare è azzurro, ma c'è un vento pazzesco (non
a caso Tarifa è il paradiso del kite surf), resistiamo un paio di
minuti e siamo costretti a scappare! Arriviamo finalmente all'Hostal
las Margaritas (prenotato pure questo tramite booking.com) che sta
poco fuori dal centro storico. Ci rilassiamo per un pò, e usciamo alla
ricerca di un posto dove mangiare. Fa decisamente freddo, e le felpe
che ci siamo portati per sicurezza si rivelano molto utili! Questo è
il punto più meridionale del continente europeo, e di là dal mare si
intravede il Marocco. Non c'è molta gente in giro, visitiamo la chiesa
e decidiamo di mangiare una pizza... In genere quando siamo
all'estero non mangiamo mai italiano ma stavolta la voglia di pizza
prevale. Non sarà poi granchè!
18 maggio
Gita giornaliera in Marocco!
Eccoci al porto di Tarifa, dove un traghetto ci porterà in Africa per
un giorno (abbiamo prenotato online il Tangeri Tour direttamente dal
sito della compagnia di navigazione, la FRS, presentiamo il codice di
prenotazione alla biglietteria ed abbiamo i biglietti). Dopo circa 50
minuti di navigazione siamo a Tangeri. Rapido controllo doganale e la
guida ci preleva e ci porta su una collina fuori città da dove si
ammira un bel panorama, poi rientriamo in città, e iniziamo il giro
della medina. Viuzze strette, dove si inerpicano case con balconi dove
i dirimpettai si possono letteralmente toccare con mano tanto sono
appiccicati. Le strutture sembrano fatiscenti ma se stanno su da tanto
tempo probabilmente è solo un'apparenza. Bambini scorrazzano a piedi
tra le strade, che in certi punti brulicano di botteghe e negozietti,
con i commercianti che ti "invitano" a visitare i loro negozi e,
ovviamente, a comprare! Arriviamo in una grande piazza, da dove un
piccolo tunnel porta su una terrazza sul mare, la visuale è splendida
così come i colori del mare! A questo punto pranzo in un ristorante
tipico, dove mangiamo una deliziosa minestra con cannella e
dell'agnello arrosto, oltre ad abbondanti dosi di frutta fresca. Dopo
pranzo rimaniamo un pò delusi, in quanto la guida nel pomeriggio ci
porta presso una fabbrica di tappeti e un laboratorio dove realizzano
profumi, ci sentiamo come in una gita dove ti vendono le pentole...
comunque sia ci compriamo alcune tavolette di muschio bianco, ma
abbiamo come la sensazione che ci abbiano fregato, quando (una volta
rientrati) le apriamo non sono come quelle che ci hanno fatto vedere
nel laboratorio... pazienza. Al rientro il mare è agitato, e si balla
un pò. Ceniamo e andiamo a nanna, dopo una passeggiata tra le vie del
centro di Tarifa.
19 maggio
Di buon mattino colazione in un bar di Tarifa, check out all'Hostal e
ci dirigiamo verso Gibilterra. Ci fermiamo in un supermarket per
comprare pane, prosciutto, bevande. Lungo la strada verso Gibilterra è
un susseguirsi senza fine di pale eoliche che girano a tutta birra. Ci
fermiamo presso una terrazza panoramica per scattare alcune foto e un
caffè, e chiaccheriamo un pò con una coppia di turisti canadesi, che
quando gli diciamo che siamo sardi cominciano a tessere le lodi della
Sardegna (pur non essendoci mai stati, ma che hanno in programma di
visitare a breve) e ciò ci rende orgogliosi, in genere, per la nostra
esperienza, la Sardegna non è così conosciuta oltreoceano. Ripartiamo.
All'ingresso di Gibilterra c'è un traffico pazzesco, e come suggerito
dalla guida cerchiamo parcheggio a Linea della Conception, e
attraversiamo la frontiera a piedi. Attraversiamo la pista
dell'aeroporto (fa impressione passare in mezzo a una pista
aeroportuale attiva, che funge da passaggio pedonale quando non
atterrano aerei). La Main Street è un lungo duty free a cielo
aperto... ci sono lacune cabine telfoniche "londinesi", il resto un
susseguirsi di negozi che vendono sigarette, alcolici e profumi free
tax. Gli articoli non ci interessano, e proseguiamo. Incontriamo su
degli alberi le famose scimmie di Gibilterra, che si avvicinano ai
passanti in cerca di cibo. Abbiamo lasciato in auto il pranzo al
sacco, quindi decidiamo di mangiare in un Mc Donald's. Rinunciamo a
salire sulla Rocca in teleferica, c'è da aspettare ore per salire, la
coda è lunga... prendiamo quindi il bus per l'Europa point, dove c'è
il faro e una moschea. Il panorama è suggestivo, ideale per scattare
ua nuova serie di foto! Dall'Europa Point il bus ci porta direttamente
alla frontiera, torniamo in Spagna e ripartiamo, destinazione Granada!
Prendiamo l'Autopista del Mediterraneo, passando, senza fermarci, per
Marbella, Torremolinos, Fuengirola... un delirio di costruzioni,
resort, alberghi, palazzi... il tutto lungo la costa senza soluzione
di continuità per oltre 50 km!!! Poco prima di Malaga prendiamo
direzione nord, verso la cittadina di Antequera che dobbiamo visitare.
Ci arrivamo verso le 17.30, lasciamo l'auto in un parcheggio e ci
dirigiamo a piedi verso la chiesa di Santa Maria la Mayor, molto bella
vista da fuori, ma quando arriviamo il custode sta chiudendo e non
possiamo entrare, così come l'alcazaba. Il punto è panoramico, e ci
tratteniamo per un pò. Poi riscendiamo verso il centro, e visitiamo la
chiesa di San Sebastian e riprendiamo la via di Granada, dove
arriviamo intorno alle 21. L'hotel Albero (prenotato sempre tramite
booking.com) è poco fuori città, sulla strada che porta all'Alhambra.
Siamo un pò stanchi, ceniamo in camera con quello che avevamo comprato
al market a Tarifa, poi usciamo a fare una passeggiata. Ci fermiamo in
un bar dove trasmettono la finale di Coppa di Spagna e ci fermiamo per
qualche minuto a seguirla sorseggiando un caffè. Poi ci inoltriamo in
un viale residenziale con delle magnifiche ville con vista sulla
città, sicuramente è una zona abitata da persone abbienti, visto lo
stile delle costruzioni.
20 maggio
Colazione in hotel, poi ci dirigiamo alla fermata del bus per il
centro, che è poco distante dall'albergo. Decidiamo di lasciare l'auto
parcheggiata di fronte all'Hotel, non vorremmo incasinarci in centro
con la macchina.
Ci dirigiamo a piedi verso il quartiere dell'Albaycin, antico
quartiere medievale dichiarato patrimonio mondiale dall'Unesco. E'
davvero suggestivo, arrampicato sulla collina, le case bianche e le
strade strette... di fronte si vedono le fortezza dell'Alhambra, e
oltre le vette innevate della Sierra Nevada! Un panorama mozzafiato.
Andiamo a vedere la chiesa di San Salvador, ma non si può entrare,
allora saliamo oltre il quartiere verso una chiesa (non ricordo il
nome...) dove c'è una terrazza panoramica. La zona sembra mal
frequentata... il posto è piuttosto isolato e oltre noi c'è solo un
gruppetto di punk che sul piazzale della chiesa bevono birra e ruttano
di buon mattino... facciamo un paio di rapide foto e battiamo in
ritirata, non si sa mai, anche se non sembrano aggressivi... visitiamo
la Cattedrale, che al confronto con quella di Siviglia sfigura anche
se comunque molto bella. Non abbiamo molta fame, per pranzo ci
prendiamo un bel gelato nella piazza Bib Rambla. Torniamo a riprendere
il bus, alle 14 abbiamo l'ingresso prenotato per la visita
all'Alhambra. Evitiamo la coda in biglietteria (che comunque non è
tantissima) grazie agli sportelli automatici riservati alle
prenotazioni online... una strisciata con la Postepay ed ecco stampati
i nostri biglietti in 10 secondi! Bella cosa la tecnologia!
Inutile dirvi quale è la magnificenza di questi luoghi... ci perdiamo
tra i giardini e il palazzo del Generalife, il palazzo di Carlo V,
l'Alcazaba con le sue torri fortificate, i Palazzi Reali... le ore
scorrono veloci in un viavai di stupore ed emozione per un luogo
magico!!! Ridendo e scherzando si sono fatte le 19,30... alle 20 il
complesso chiude, meglio avviarsi all'uscita. Ci facciamo lasciare
dall'autista del bus davanti all'Hotel (molto gentilmente si inventa
una fermata solo per noi) e dopo un breve descanso e una doccia
rigenerante decidiamo di scendere in centro con la macchina (ho
individuato, la mattina, in centro un parcheggio pubblico). Ceniamo in
un ristorantino tipico, mangiando pulpo alla gallega! Una squisitezza,
naturalmente accompagnato da una cerveza ghiacciata! Dopo cena
gironzoliamo un pò, mangiamo un gelato (il gelataio, ma che strano,
era italiano...) e riprendiamo la macchina per rientrare in hotel...
ad una rotatoria sbaglio l'uscita e ci ritroviamo in un dedalo di
sensi unici... per fortuna dopo un quarto d'ora di giro turistico
notturno della città ritroviamo la strada...
21 maggio
La prossima tappa è Cordoba, ma dato che siamo molto vicini alla
Sierra Nevada decidiamo di fare una piccola deviazione! Saliamo fino a
oltre 2000 metri, l'aria è frizzante, e arriviamo fino a dove c'è
ancora la neve. Lungo la strada facciamo un simpatico incontro con un
gruppo di caprioli che ci guardano da sopra i costoni di roccia... i
panorami da qui sono davvero mozzafiato! Sulla strada del ritorno
facciamo un pò di spesa alimentare e ci avviamo verso la nostra meta.
Tra i paesi di passaggio che vogliamo visitare c'è Montefrio. E' un
piccolo paesino tra due colline, con un castello che lo domina
arroccato in alto. Ci fermiamo in un parcheggio e saliamo verso una
chiesa, da dove vediamo il castello in lontananza. E' piuttosto
lontano da raggiungere a piedi, per cui facciamo una pausa pranzo in
una piazzetta ombrosa, visto che qui il caldo si fa sentire! Poi ci
dirigiamo verso il castello... arriviamo fin su, ma scopriamo che si
può visitare solo fino alle 12... troppo tardi! E' comunque molto
bello anche visto dal basso, peccato non poterci entrare... un caffè e
ripartiamo, naturalmente dopo un giro a piedi tra i vicoletti del
paese. Consultiamo la guida e decidiamo di proseguire verso Zuheros. E
qui il navigatore satellitare ci tradisce... ci porta dentro
strettissime strade di campagna, quasi prive di segnaletica,
circondate da sconfinati uliveti... praticamente facciamo un giro in
tondo di circa 40 km per poi trovarci nello stesso punto... meno male
che non abbiamo fretta e che abbiamo sufficiente benzina!!! Dopo tanto
girovagare troviamo la strada giusta e arriviamo a Zuheros, altro
piccolissimo centro su una collina, e raggiungiamo la terrazza
panoramica da dove si gode il panorama di tutta la vallata... su un
costone di roccia, come sospeso in aria, c'è una fortezza medievale
ottimamente conservata! Chissà come hanno fatto a posizionarla proprio
lì!!! Una bibita in un bar, il caldo è opprimente, e ci dirigiamo
verso Cordoba. Arrivati in città il traffico sembra impazzito, vigili
che bloccano le strade e ci deviano dalla parte opposta a quella dove
dovevamo andare! Scopriremo poi che in città c'è la feria, e per
questo molte strade sono bloccate e trasformate in isole pedonali. Non
ci perdiamo d'animo e arrivamo all'Hotel Serrano (prenotato tramite
Venere.com), che è un albergo molto stiloso, certamente di qualità
superiore rispetto ai precedenti (anche se la camera che ci danno è la
più piccola tra tutte quelle avute negli altri alberghi). Sistemiamo i
bagagli e usciamo per la cena. Ci inoltriamo nel vecchio quartiere
ebraico della Juderia, fino ad arrivare alla Mezquita-Catedral.
Proprio di fronte ci incuriosisce una locandina di uno spettacolo di
flamenco... entriamo per chiedere informazioni e decidiamo di
prenotare per lo spettacolo che sarebbe iniziato alle 22,15. Sono le
21,30... facciamo in tempo a sederci in una taverna lì in zona e
cenare. Lo spettacolo di flamenco è stupendo (ci era stato consigliato
da amici di vederne almeno uno) e non delude le nostre aspettative.
Davvero molto suggestivo. Stanchi per la lunga giornata ci riavviamo
verso l'hotel. La strada è un pullulare di persone, è giorno di festa.
22 maggio
E' l'ultimo giorno. Alle 21,40 abbiamo il volo che da Siviglia ci
riporterà a Cagliari... ci concediamo una ricca colazione in hotel e
via, per la visita alla Mezquita Catedral. La magnificenza di questo
luogo è unica... siamo a bocca aperta. L'avevamo vista in tanti
documentari e fotografie, ma esserci dentro fa davvero impressione!
Rimaniamo per oltre due ore a girovagare al suo interno, senza fiato.
Dopo la Mezquita visitiamo la piccola sinagoga nella juderia e andiamo
a pranzo nella stessa taverna del giorno prima, dove abbiamo mangiato
davvero bene! E' stapiena di gente che beve, tapea e chiacchiera ad
alta voce, sembra uno di quei vecchi bar di quartiere popolare dove il
sabato mattina ci si riunisce per l'aperitivo! Con un po' di magone,
la vacanza volge al termine, ci dirigiamo verso la macchina, che
abbiamo parcheggiato un pò lontano dal centro per evitare il casino...
mentre ci dirigiamo incontriamo tantissime donne vestite con il
costume tipico della festa, gonne lunghe con tanti fronzoli,
coloratissime, e l'immancabile fiore tra i capelli! Molto bello!
Imbocchiamo l'autovia, l'aeroporto dista circa 200 km. Avendo ancora
un pò di tempo a disposizione lungo strada ci fermiamo a Carmona e
saliamo al parador. Non ci godiamo molto questa cittadina, sono le 17
e il termometro segna 37 gradi!!! Arrivati in aeroporto riconsegnamo
l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo!
Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #2  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #3  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #4  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #5  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #6  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #7  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #8  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #9  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
  #10  
Vecchio 03-09-2010, 15.30.35
Emanuela
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] una settimana in Andalucia

Nel suo scritto precedente, o'neill ha sostenuto :[color=blue]
> Rece del viaggio in Andalucia, maggio 2010[/color]

[color=blue]
> Arrivati in aeroporto riconsegnamo
> l'auto e andiamo al check in... addio Andalucia, è stato bellissimo![/color]

Grazie, salvata nell'apposita cartella per usi futuri!

E.

--
Responsabile servizio Catering e Banqueting NNT

Ostriche Occhiute Osservano Oscuri Orizzonti
(Johnny Hart - B.C.)


Rispondi citando Condividi su facebook
Rispondi


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Disattivato
Le faccine sono Disattivato
Il codice [IMG] è Disattivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
[RECE] Mozambico, Lichinga Vincio Viaggi Forum Principale 85 21-01-2011 12.24.32
settimana mare sicilia brezza Viaggi Forum Principale 18 20-07-2007 12.09.07
Norvegia, una settimana in macchina Scandinavian Explorer Viaggi Forum Principale 104 03-07-2007 23.09.33
Settimana dei Geoparchi Geoturismo Viaggi Forum Principale 0 10-06-2007 22.49.37
Consigli su settimana in Marocco Alfred Molon Viaggi Forum Principale 60 10-06-2007 17.35.19


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 17.31.18.


www.ForumViaggiare.com
Ad Management by RedTyger