www.ForumViaggiare.com

Links Sponsorizzati


Torna indietro   www.ForumViaggiare.com > ForumViaggiare > Viaggi Forum Principale

Tags:

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Vecchio 01-03-2011, 09.11.40
Bnx
 
Messaggi: n/a
Predefinito [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
tempo, attendevo di visitare.

Il nostro viaggio inizia transitando attraverso le suggestive piste innevate
di un caotico Charles de Gaulle, consapevoli che stavolta madame fortuna ha
bussato alla nostra porta, perché nei giorni precedenti, causa maltempo, i
voli cancellati sono stati davvero molti, e poco importa dunque, se quasi
tutti gli orari delle partenze sono stati posticipati.
Così, in un caldo pomeriggio caraibico del 26 dicembre, atterriamo a
St.Maarten con solo un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto.
Le formalità doganali scorrono velocemente, e lasciamo pertanto in breve
la parte olandese dell'isola, dov'è ubicato l'aeroporto internazionale,
per dirigerci in taxi alla volta di Marigot, capoluogo francese.
Arriviamo al porto proprio in concomitanza alla partenza del ferry per
Anguilla, e senza quindi aver nemmeno quasi il tempo di riflettere,
ci troviamo catapultati su questa sorta di carretta dei mari, molto simile
alla classica barchetta di braccio di ferro, che proprio nel mezzo della
breve traversata di circa otto chilometri, inizia per qualche minuto a
dondolare in balia delle onde, salvo poi terminare la propria corsa
in prossimità di un molo bagnato da un'acqua incredibilmente trasparente.

Se a St. Maarten le pratiche aeroportuali erano risultate estremamente
rapide, qui sono state quasi inesistenti, tant'è che non facciamo quasi in
tempo a consegnare i nostri passaporti, che già ci troviamo in territorio
anguillano, anche se capisco che definire territorio (in realtà possedimento
britannico d'oltremare) un'isola grande appena un centinaio di chilometri
quadrati, può sembrare un eufemismo. Mancavo da qualche anno dai Caraibi e
quasi mi ero dimenticato il particolare timbro di voce che accomuna gran
parte dei suoi abitanti, cantilenato, suadente, nettamente afro, ed a tratti
poco comprensibile per via delle parole quasi sempre limate e pronunziate in
un inglese leggermente storpiato, frutto d'inequivocabili intrecci
culturali, considerato che queste popolazioni discendono in larga
maggioranza direttamente dagli schiavi importati dall'Africa dai vari stati
colonialisti dell'epoca, al fine di disporre di manovalanza gratuita per le
locali piantagioni.

Questa però è un'altra storia, assai più importante, che senza ombra di
dubbio potremmo definire come una delle pagine più tristi della nostra
umanità.

Scrivendo invece di argomenti più futili, quale appunto una vacanza, occorre
fare una doverosa premessa in merito a quest'isola che mi accingo a
visitare: Anguilla non è un posto a buon mercato, specie nel periodo
invernale, quando i prezzi tendono parecchio a lievitare, tuttavia è
possibile far risultare non proibitivo il proprio viaggio, compiendo
un'oculata ricerca della sistemazione, ed acquistando il cibo nei vari
supermercati presenti, considerato che quasi tutti gli alloggi dispongono
di un comodo e conveniente angolo cottura.

Avevo inizialmente scelto di prenotare solo una settimana ad Anguilla,
lasciando libero il resto del viaggio, in maniera tale da decidere sul posto
se fosse stato il caso di rimanervi ancora, oppure di dirigerci verso altri
lidi , ma dopo aver appena trascorso due giorni sull'isola, non abbiamo
avuto più dubbi, decidendo subito di non muoverci più da questo luogo
fatato.

Sì, perché Anguilla non colpisce solo per l'assoluta bellezza delle proprie
spiagge, o per la trasparenza del mare da cui le stesse sono lambite, ma per
tutta una serie di fattori che ne fanno un posto unico, in cui la
criminalità è del tutto assente e dove l'informalità regna sovrana, malgrado
sia sovente frequentata da illustri personaggi del jet set internazionale.

Tra le varie opportunità di alloggio, abbiamo scelto l'Allamanda Beach Club
[url]http://www.allamanda.ai/[/url] una graziosa pensione dalla felice ubicazione in
prossimità della Shoal Bay East, malgrado avremmo potuto risparmiare
qualcosa optando per altri posti più dislocati. Essendo l'ufficio (qui
niente reception) ormai chiuso al nostro arrivo, come comunicatoci tramite
posta elettronica, ci sono state lasciate le chiavi della camera in una
piccola cassetta, assieme ad una lettera di benvenuto, sulla quale sono
riportate delle indicazioni in merito alla collocazione della stessa camera,
e delle utili notizie di carattere generale su Anguilla. Poi, una volta
preso possesso del nostro alloggio, troviamo con sorpresa sul tavolino le
chiavi della macchina a noleggio richiesta, parcheggiata a breve distanza,
nonché il contratto e la patente di guida anguillana intestata a mio nome,
il tutto sulla parola, e senza aver sborsato un solo centesimo.

Anguilla inizia a piacermi.

L'indomani facciamo di buon mattino un piccolo giro ricognitivo, improntato
più che altro alla ricerca di un supermarket dove rifornirci di generi
alimentari. Scopriamo subito il carattere tranquillo dell'isola, sulla quale
scorre un'unica strada che la taglia orizzontalmente e da cui si diramano
piccole vie secondarie in direzione delle coste, attraversando minuscoli
agglomerati costituiti da basse costruzioni color pastello, in pieno stile
caraibico. Anche la capitale, The Valley, non è altro che un insieme di
poche case frammiste agli uffici governativi ed a qualche sparuto
negozietto.

Traffico?
Ovviamente, nemmeno a parlarne.

Anguilla continua a piacermi.

Impiegando dall'Allamanda poco meno di un minuto, mediante una breve
passeggiata si raggiunge agevolmente l'Upper Shoal Bay, proprio nel punto in
cui sorge Gwen's, [url]http://gwensreggaegrill.net/[/url] uno dei beach bar storici di
Anguilla, che tra le altre cose, deve la propria fama anche ai rinomati
spettacoli di musica dal vivo della domenica pomeriggio, quando tutti
assieme, anguillani e turisti, si riversano qui per divertirsi e ballare al
ritmo caratteristico della famosa Scratch band.
[url]http://www.youtube.com/watch?v=s_X4ldd0It0[/url]

Upper Shoal Bay è un incanto di spiaggia bianchissima incorniciata da una
serie di lunghe palme, [url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla048.html[/url]
alcune delle quali completamente piegate dal vento, tuttavia rappresenta
solo il preludio allo spettacolo indiscusso di Shoal Bay East, prolungamento
naturale della stessa, che si raggiunge passeggiando brevemente lungo una
sabbia ancor più fine e bianca dello stesso borotalco. La passione che nutro
nei confronti del mare, mi ha sovente indotto negli anni a viaggiare nel
mondo alla ricerca di spiagge immacolate, ma per quanto ho avuto modo di
vedere, non mi sento di dar completamente torto a quelle strane classifiche
a cui tra l'altro non ho mai creduto, che collocano in assoluto Shoal Bay
East [url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla029.html[/url] tra le spiagge più
belle del mondo. Trascorrere qui del tempo, estasiati dalla bellezza del
mare e dal bianco accecante della spiaggia, mentre si sorseggia un doveroso
rum punch, equivale all'essenza stesso del viaggio a queste latitudini.
Altro luogo di culto è Uncle Ernie's [url]http://www.uncleerniesbeachbar.com/[/url]
presente a Shoal Bay East dal 1984, il quale costituisce una buona
opportunità per pranzare a costi contenuti, mentre il nostro locale
preferito per la qualità del cibo sulla medesima spiaggia, è senza dubbio il
Madeariman.

Spiagge dicevamo, Anguilla ne annovera lungo le sue coste ben trentatre, ed
il bello è che, come ho avuto modo personalmente di riscontrare, se sul
versante atlantico il mare è mosso, su quello caraibico sarà sicuramente
calmo, o viceversa, malgrado il punto più alto, vale a dire Crocus Hill, si
eleva di appena sessantacinque metri sul livello del mare, e l'isola misura
nel suo punto più largo appena cinque chilometri. Tutte le spiagge, inoltre,
anche nei punti nei quali sorgono delle strutture turistiche, sono
completamente fruibili dai visitatori esterni.

Non c'è dubbio, Anguilla mi piace sempre più.

La popolazione, inizialmente schiva ed apparentemente poco socievole, si
dimostra assai affabile e cordiale quando s'intraprende una conversazione,
rilevando la sua genuinità ed il proprio carattere amichevole. Quel senso di
totale sicurezza, inoltre, raramente avvertito in altri posti nel mondo, che
t'induce a lasciare tranquillamente l'automobile aperta o lo zaino con i
propri averi in spiaggia senza preoccuparsene, costituiscono a mio avviso un
altro importante motivo per persuadere il viaggiatore a scegliere una
località come Anguilla.

Oltre alla sopraccitata Shoal Bay East, posizionata a nordest, le spiagge da
noi preferite, dove abbiamo trascorso la maggior parte dei nostri giorni,
sono ubicate tutte nella parte sud, lungo il versante bagnato dal Mar dei
Caraibi.

Pur viaggiando nel periodo di punta per quanto concerne l'affluenza
turistica, abbiamo sempre trascorso il nostro tempo in spiagge pressoché
deserte, evidenziando inoltre che il turismo presente ad Anguilla è un
turismo alquanto discreto, costituito in larga maggioranza da habitué
statunitensi, che tornano qui tutti gli anni, trascorrendovi diverso tempo.

Passeggiando sulla maggior parte delle spiagge, è facilissimo trovare le
caratteristiche conchiglie rosate dei conch
[url]http://www.bnx.it/pat&vale_conch.jpg[/url], molluschi assai diffusi e prolifici,
che costituiscono un alimento importante nella dieta degli isolani. Numerosi
hotel, ma anche la maggior parte dei giardini delle case locali, sono
graziosamente adornati da splendidi esemplari dei gusci dei conch.

Condurre un'automobile sull'isola è alquanto semplice, anche per chi non ha
mai avuto esperienza con la guida a sinistra, considerato che i mezzi in
circolazione sono pochi, e che i ritmi degli isolani sono lentissimi, mentre
l'unica cosa che può dar fastidio, ma dopo un po' ci si abitua, è che la
sera mantengono sempre gli abbaglianti accesi, quasi fosse una regola.

Rendezvous Bay [url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla064.html[/url] è una
fantastica mezzaluna di sabbia bianca, lunga circa due chilometri e mezzo,
la cui parte finale è occupata dal lussuoso Cuisinart Resort, che il martedì
sera propone nel suo ristorante Santorini un pantagruelico buffet a base di
aragoste ed altre delizie cucinate al barbecue, mentre all'inizio della
spiaggia si trova il piccolo ed informale Anguilla Great House, dov'è
possibile anche pranzare a costi contenuti. Adiacente al suddetto Cuisinart,
ma raggiungibile solo facendo il giro in macchina, troviamo il Dune
Preserve, un posto incredibile, costruito lentamente dall'artista reggae
locale ed internazionalmente riconosciuto Bankie Banx, tramite vecchie
barche e cataste di legno portate a riva dalla corrente. Ne è scaturita
negli anni una costruzione inverosimile, una sorta di fortezza a picco sul
mare, la quale funge da bar-ristorante, e dove la sera si tengono concerti
di musica reggae, in cui non è rado vedere esibirsi lo stesso Banx.

Elemento costante sulle strade di Anguilla sono le onnipresenti capre,
diffuse in gran numero, le quali costituiscono anche un elemento importante
della cucina locale, finendo spesso la propria esistenza sotto forma di
stufato al curry.

Cove Bay è un'altra notevole spiaggia da sogno, con acque generalmente calme
e sabbia perlacea. Qui l'istituzione è Smokey's
[url]http://www.smokeysatthecove.com/[/url] altro locale dove trascorrere allegramente
del tempo tracannando qualche rum punch mentre si osserva il mare color
indaco e la sagoma in lontananza di St. Maarten.

Maunday's Bay [url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla007.html[/url] è la
spiaggia forse più bella da noi visitata, con sabbia bianchissima e soffice
come seta, nonché trasparenti acque caratterizzate da mille tonalità
d'azzurro.
E' occupata completamente dal Cap Jaluca, uno degli hotel più lussuosi dei
Caraibi, che pratica di conseguenza prezzi esorbitanti, ma il bello di
Anguilla è anche questo, ovvero poter trascorrere la propria giornata a
costi zero, godendosi la stessa spiaggia dove alloggiano altre persone che
hanno invece speso centinaia di euro.

A Shoal Bay West [url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla044.html[/url], altro
lido da sogno posto all'estremità occidentale dell'isola, sono presenti solo
il Covecastles, elegante struttura carissima, ed alcune ville private, oltre
alla Trattoria Tramonto [url]http://www.trattoriatramonto.com/[/url], gestita con
successo da anni dal bolognese Alan Piazzi, la quale costituisce l'abituale
ritrovo di stars del mondo del cinema e dello spettacolo.

Sandy Ground, versante nord, propone invece una spiaggia poco allettante dal
punto di vista prettamente estetico, ma di contro rappresenta il luogo dei
divertimenti notturni in stile Anguilla, vale a dire appena un paio di beach
bar, seppur celebri, quali Elvis e Johnno's, oltre a qualche ristorante, tra
i quali vale a mio avviso la pena menzionare per la qualità del menu Roy's
Bayside Grill [url]http://roysbaysidegrill.com/[/url]. A Sandy Ground, è inoltre
possibile trovare alloggi a buon prezzo, ed alcune tra le rare guesthouses
presenti di Anguilla.

Nei giorni a cavallo tra Natale e Capodanno, l'unica pista del minuscolo
Wallblake aeroport, dove atterrano generalmente solo sporadici voli che
collegano Anguilla con Portorico e poche altre isole caraibiche, riscontra
un discreto traffico dovuto all'affluenza dei jet privati appartenenti ad
autentiche celebrità, che poi non è rado incontrare sull'isola, considerato
che uno dei nostri vicini di tavolo a cena, è stato per una sera l'attore
Liam Neeson, mentre sulla meravigliosa Rendezvous Bay, abbiamo passeggiato
fianco a fianco con una star di hollywood del calibro di John Voight.
L'incontro più divertente, però, è stato senza dubbio quello con Garvey,
artista reggae locale, che mentre passeggiavamo cantava solo in spiaggia,
salvo poi farsi immortalare dalla nostra videocamera mentre si è esibito
in un'improvvisata performance.
Ci ha regalato anche un CD con i suoi pezzi, che hanno costituito la colonna
sonora dei nostri brevi viaggi in macchina lungo le strade di Anguilla.

Tornando a scrivere di cibo, possiamo però tranquillamente affermare che
l'isola offre il meglio di sé nei numerosi tendoni mobili disseminati lungo
le sue strade, i quali servono squisita carne sapientemente grigliata al
barbecue, in porzioni abbondanti ed economiche.
Sono i posti dove consumano generalmente i pasti gli anguillani, ed il più
rinomato in assoluto è sicuramente Ken, il quale apre i battenti
esclusivamente nel week-end a The Valley, esattamente all'incrocio tra
Carter Rey Boulevard e Landsome Road.
Deliziose puntine di maiale, le quali rappresentano un must culinario
sull'isola, ma anche generose porzioni di pollo e bistecche di maiale,
magistralmente condite a priori con una salsa a base di spezie ed aglio,
e successivamente grigliate alla perfezione sul barbecue aperto fino a
notte fonda. Questa è stata la nostra cena da Ken, consumata su un
tavolaccio sotto al suo tendone
[url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla031.html[/url] mentre schiere di
anguillani si fermavano continuamente ad ordinare la propria cena da asporto
a bordo di pittoresche automobili, da cui fuoriusciva musica reggae sparata
a tutto volume.

Anguilla mi è piaciuta molto, ma davvero molto, Anguilla ha saputo toccarmi
il cuore.

I giorni sull'isola sono volati in fretta, con i sensi perennemente perduti
tra incantevoli spiagge coralline, colossali bevute di rum punch, un mare di
cristallo costantemente frequentato da pellicani, albatros e numerosi altri
uccelli, musica costantemente diffusa, persone genuine, lunghe passeggiate,
conch, barbecue, profondi sorrisi, eterna spensieratezza.

Cosa mi resterà di Anguilla, oltre alle foto ed a quanto riportato in queste
pagine?

Sicuramente l'eterno ricordo di un'isola felice e rilassata, e quando vivrò
i problemi legati alla quotidianità del nostro frenetico mondo, non potrò
fare a meno di pensare con un pizzico di rammarico al simpatico ed
emblematico motto dei suoi abitanti:

"la vita è una spiaggia, poi si cena".

Bnx

Le foto complete di questo viaggio: [url]http://www.bnx.it/anguilla/[/url]

Alcuni link utili:

Il sito dell'Ente di Turismo [url]http://ivisitanguilla.com/[/url]
Il portale dell'isola [url]http://www.anguillaguide.com/[/url]
Ottimo sito contenente parecchie notizie utili
[url]http://www.anguilla-beaches.com/[/url]
Portale per le prenotazioni alberghiere [url]http://www.anguillian.com/home[/url]






Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #2  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #3  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #4  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #5  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #6  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #7  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #8  
Vecchio 01-03-2011, 10.55.17
MassimoB
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Anguilla, la vita in una spiaggia

Il 01/03/11 09.11, Bnx ha scritto:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> è caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.[/color]
***

Grazie,
mi hai fatto venire l'acquolina in bocca, se non fosse che i prossimi
viaggi sono già programmati...
:-)

--
MassimoB
[url]www.raccontidiviaggio.com[/url]
Rispondi citando Condividi su facebook
  #9  
Vecchio 01-03-2011, 11.53.03
il velista
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Anguilla, la vita in una spiaggia

On 1 Mar, 09:11, "Bnx" <contactMANOs...@bnx.it> wrote:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove *svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.
>
> Il nostro viaggio inizia transitando attraverso le suggestive piste innevate
> di un caotico Charles de Gaulle, consapevoli che stavolta madame fortuna ha
> bussato alla nostra porta, perch nei giorni precedenti, causa maltempo, i
> voli cancellati sono stati davvero molti, e poco importa dunque, se quasi
> tutti gli orari delle partenze sono stati posticipati.
> Cos , in un caldo pomeriggio caraibico del 26 dicembre, atterriamo a
> St.Maarten con solo un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto.
> Le formalit doganali scorrono velocemente, e lasciamo pertanto in breve
> la parte olandese dell'isola, dov' ubicato l'aeroporto internazionale,
> per dirigerci in taxi alla volta di Marigot, capoluogo francese.
> Arriviamo al porto proprio in concomitanza alla partenza del ferry per
> Anguilla, e senza quindi aver nemmeno quasi il tempo di riflettere,
> ci troviamo catapultati su questa sorta di carretta dei mari, molto simile
> alla classica barchetta di braccio di ferro, che proprio nel mezzo della
> breve traversata di circa otto chilometri, inizia per qualche minuto a
> dondolare in balia delle onde, salvo poi terminare la propria corsa
> in prossimit di un molo bagnato da un'acqua incredibilmente trasparente.
>
> Se a St. Maarten le pratiche aeroportuali erano risultate estremamente
> rapide, qui sono state quasi inesistenti, tant' che non facciamo quasi in
> tempo a consegnare i nostri passaporti, che gi ci troviamo in territorio
> anguillano, anche se capisco che definire territorio (in realt possedimento
> britannico d'oltremare) un'isola grande appena un centinaio di chilometri
> quadrati, pu sembrare un eufemismo. Mancavo da qualche anno dai Caraibi e
> quasi mi ero dimenticato il particolare timbro di voce che accomuna gran
> parte dei suoi abitanti, cantilenato, suadente, nettamente afro, ed a tratti
> poco comprensibile per via delle parole quasi sempre limate e pronunziatein
> un inglese leggermente storpiato, frutto d'inequivocabili intrecci
> culturali, considerato che queste popolazioni discendono in larga
> maggioranza direttamente dagli schiavi importati dall'Africa dai vari stati
> colonialisti dell'epoca, al fine di disporre di manovalanza gratuita per le
> locali piantagioni.
>
> Questa per un'altra storia, assai pi importante, che senza ombra di
> dubbio potremmo definire come una delle pagine pi tristi della nostra
> umanit .
>
> Scrivendo invece di argomenti pi futili, quale appunto una vacanza, occorre
> fare una doverosa premessa in merito a quest'isola che mi accingo a
> visitare: Anguilla non un posto a buon mercato, specie nel periodo
> invernale, quando i prezzi tendono parecchio a lievitare, tuttavia
> possibile far risultare non proibitivo il proprio viaggio, compiendo
> un'oculata ricerca della sistemazione, ed acquistando il cibo nei vari
> supermercati presenti, considerato che quasi tutti gli alloggi dispongono
> di un comodo e conveniente angolo cottura.
>
> Avevo inizialmente scelto di prenotare solo una settimana ad Anguilla,
> lasciando libero il resto del viaggio, in maniera tale da decidere sul posto
> se fosse stato il caso di rimanervi ancora, oppure di dirigerci verso altri
> lidi , ma dopo aver appena trascorso due giorni sull'isola, non abbiamo
> avuto pi dubbi, decidendo subito di non muoverci pi da questo luogo
> fatato.
>
> S , perch Anguilla non colpisce solo per l'assoluta bellezza delle proprie
> spiagge, o per la trasparenza del mare da cui le stesse sono lambite, ma per
> tutta una serie di fattori che ne fanno un posto unico, in cui la
> criminalit del tutto assente e dove l'informalit regna sovrana, malgrado
> sia sovente frequentata da illustri personaggi del jet set internazionale..
>
> Tra le varie opportunit di alloggio, abbiamo scelto l'Allamanda Beach Clubhttp://www.allamanda.ai/una graziosa pensione dalla felice ubicazione in
> prossimit della Shoal Bay East, malgrado avremmo potuto risparmiare
> qualcosa optando per altri posti pi dislocati. Essendo l'ufficio (qui
> niente reception) ormai chiuso al nostro arrivo, come comunicatoci tramite
> posta elettronica, ci sono state lasciate le chiavi della camera in una
> piccola cassetta, assieme ad una lettera di benvenuto, sulla quale sono
> riportate delle indicazioni in merito alla collocazione della stessa camera,
> e delle utili notizie di carattere generale su Anguilla. Poi, una volta
> preso possesso del nostro alloggio, troviamo con sorpresa sul tavolino le
> chiavi della macchina a noleggio richiesta, parcheggiata a breve distanza,
> nonch il contratto e la patente di guida anguillana intestata a mio nome,
> il tutto sulla parola, e senza aver sborsato un solo centesimo.
>
> Anguilla inizia a piacermi.
>
> L'indomani facciamo di buon mattino un piccolo giro ricognitivo, improntato
> pi che altro alla ricerca di un supermarket dove rifornirci di generi
> alimentari. Scopriamo subito il carattere tranquillo dell'isola, sulla quale
> scorre un'unica strada che la taglia orizzontalmente e da cui si diramano
> piccole vie secondarie in direzione delle coste, attraversando minuscoli
> agglomerati costituiti da basse costruzioni color pastello, in pieno stile
> caraibico. Anche la capitale, The Valley, non altro che un insieme di
> poche case frammiste agli uffici governativi ed a qualche sparuto
> negozietto.
>
> Traffico?
> Ovviamente, nemmeno a parlarne.
>
> Anguilla continua a piacermi.
>
> Impiegando dall'Allamanda poco meno di un minuto, mediante una breve
> passeggiata si raggiunge agevolmente l'Upper Shoal Bay, proprio nel puntoin
> cui sorge Gwen's,[url]http://gwensreggaegrill.net/uno[/url] dei beach bar storici di
> Anguilla, che tra le altre cose, deve la propria fama anche ai rinomati
> spettacoli di musica dal vivo della domenica pomeriggio, quando tutti
> assieme, anguillani e turisti, si riversano qui per divertirsi e ballare al
> ritmo caratteristico della famosa Scratch band.[url]http://www.youtube.com/watch?v=s_X4ldd0It0[/url]
>
> Upper Shoal Bay un incanto di spiaggia bianchissima incorniciata da una
> serie di lunghe palme,[url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla048.html[/url]
> alcune delle quali completamente piegate dal vento, tuttavia rappresenta
> solo il preludio allo spettacolo indiscusso di Shoal Bay East, prolungamento
> naturale della stessa, che si raggiunge passeggiando brevemente lungo una
> sabbia ancor pi fine e bianca dello stesso borotalco. La passione che nutro
> nei confronti del mare, mi ha sovente indotto negli anni a viaggiare nel
> mondo alla ricerca di spiagge immacolate, ma per quanto ho avuto modo di
> vedere, non mi sento di dar completamente torto a quelle strane classifiche
> a cui tra l'altro non ho mai creduto, che collocano in assoluto Shoal Bay
> Easthttp://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla029.html[/color]
:-OOOOO
ma hai usato filtri o altre diavolerie per evidenziare i colori?

ciao
Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #10  
Vecchio 01-03-2011, 11.53.03
il velista
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: Anguilla, la vita in una spiaggia

On 1 Mar, 09:11, "Bnx" <contactMANOs...@bnx.it> wrote:[color=blue]
> Dopo il viaggio in Cina desideravo una meta poco impegnativa e rilassante,
> il classico posto dove *svernare qualche giorno spensieratamente, indossando
> delle infradito per tutta la vacanza, e con ben poche incertezze, la scelta
> caduta rapidamente su Anguilla, isola caraibica che, ormai da troppo
> tempo, attendevo di visitare.
>
> Il nostro viaggio inizia transitando attraverso le suggestive piste innevate
> di un caotico Charles de Gaulle, consapevoli che stavolta madame fortuna ha
> bussato alla nostra porta, perch nei giorni precedenti, causa maltempo, i
> voli cancellati sono stati davvero molti, e poco importa dunque, se quasi
> tutti gli orari delle partenze sono stati posticipati.
> Cos , in un caldo pomeriggio caraibico del 26 dicembre, atterriamo a
> St.Maarten con solo un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto.
> Le formalit doganali scorrono velocemente, e lasciamo pertanto in breve
> la parte olandese dell'isola, dov' ubicato l'aeroporto internazionale,
> per dirigerci in taxi alla volta di Marigot, capoluogo francese.
> Arriviamo al porto proprio in concomitanza alla partenza del ferry per
> Anguilla, e senza quindi aver nemmeno quasi il tempo di riflettere,
> ci troviamo catapultati su questa sorta di carretta dei mari, molto simile
> alla classica barchetta di braccio di ferro, che proprio nel mezzo della
> breve traversata di circa otto chilometri, inizia per qualche minuto a
> dondolare in balia delle onde, salvo poi terminare la propria corsa
> in prossimit di un molo bagnato da un'acqua incredibilmente trasparente.
>
> Se a St. Maarten le pratiche aeroportuali erano risultate estremamente
> rapide, qui sono state quasi inesistenti, tant' che non facciamo quasi in
> tempo a consegnare i nostri passaporti, che gi ci troviamo in territorio
> anguillano, anche se capisco che definire territorio (in realt possedimento
> britannico d'oltremare) un'isola grande appena un centinaio di chilometri
> quadrati, pu sembrare un eufemismo. Mancavo da qualche anno dai Caraibi e
> quasi mi ero dimenticato il particolare timbro di voce che accomuna gran
> parte dei suoi abitanti, cantilenato, suadente, nettamente afro, ed a tratti
> poco comprensibile per via delle parole quasi sempre limate e pronunziatein
> un inglese leggermente storpiato, frutto d'inequivocabili intrecci
> culturali, considerato che queste popolazioni discendono in larga
> maggioranza direttamente dagli schiavi importati dall'Africa dai vari stati
> colonialisti dell'epoca, al fine di disporre di manovalanza gratuita per le
> locali piantagioni.
>
> Questa per un'altra storia, assai pi importante, che senza ombra di
> dubbio potremmo definire come una delle pagine pi tristi della nostra
> umanit .
>
> Scrivendo invece di argomenti pi futili, quale appunto una vacanza, occorre
> fare una doverosa premessa in merito a quest'isola che mi accingo a
> visitare: Anguilla non un posto a buon mercato, specie nel periodo
> invernale, quando i prezzi tendono parecchio a lievitare, tuttavia
> possibile far risultare non proibitivo il proprio viaggio, compiendo
> un'oculata ricerca della sistemazione, ed acquistando il cibo nei vari
> supermercati presenti, considerato che quasi tutti gli alloggi dispongono
> di un comodo e conveniente angolo cottura.
>
> Avevo inizialmente scelto di prenotare solo una settimana ad Anguilla,
> lasciando libero il resto del viaggio, in maniera tale da decidere sul posto
> se fosse stato il caso di rimanervi ancora, oppure di dirigerci verso altri
> lidi , ma dopo aver appena trascorso due giorni sull'isola, non abbiamo
> avuto pi dubbi, decidendo subito di non muoverci pi da questo luogo
> fatato.
>
> S , perch Anguilla non colpisce solo per l'assoluta bellezza delle proprie
> spiagge, o per la trasparenza del mare da cui le stesse sono lambite, ma per
> tutta una serie di fattori che ne fanno un posto unico, in cui la
> criminalit del tutto assente e dove l'informalit regna sovrana, malgrado
> sia sovente frequentata da illustri personaggi del jet set internazionale..
>
> Tra le varie opportunit di alloggio, abbiamo scelto l'Allamanda Beach Clubhttp://www.allamanda.ai/una graziosa pensione dalla felice ubicazione in
> prossimit della Shoal Bay East, malgrado avremmo potuto risparmiare
> qualcosa optando per altri posti pi dislocati. Essendo l'ufficio (qui
> niente reception) ormai chiuso al nostro arrivo, come comunicatoci tramite
> posta elettronica, ci sono state lasciate le chiavi della camera in una
> piccola cassetta, assieme ad una lettera di benvenuto, sulla quale sono
> riportate delle indicazioni in merito alla collocazione della stessa camera,
> e delle utili notizie di carattere generale su Anguilla. Poi, una volta
> preso possesso del nostro alloggio, troviamo con sorpresa sul tavolino le
> chiavi della macchina a noleggio richiesta, parcheggiata a breve distanza,
> nonch il contratto e la patente di guida anguillana intestata a mio nome,
> il tutto sulla parola, e senza aver sborsato un solo centesimo.
>
> Anguilla inizia a piacermi.
>
> L'indomani facciamo di buon mattino un piccolo giro ricognitivo, improntato
> pi che altro alla ricerca di un supermarket dove rifornirci di generi
> alimentari. Scopriamo subito il carattere tranquillo dell'isola, sulla quale
> scorre un'unica strada che la taglia orizzontalmente e da cui si diramano
> piccole vie secondarie in direzione delle coste, attraversando minuscoli
> agglomerati costituiti da basse costruzioni color pastello, in pieno stile
> caraibico. Anche la capitale, The Valley, non altro che un insieme di
> poche case frammiste agli uffici governativi ed a qualche sparuto
> negozietto.
>
> Traffico?
> Ovviamente, nemmeno a parlarne.
>
> Anguilla continua a piacermi.
>
> Impiegando dall'Allamanda poco meno di un minuto, mediante una breve
> passeggiata si raggiunge agevolmente l'Upper Shoal Bay, proprio nel puntoin
> cui sorge Gwen's,[url]http://gwensreggaegrill.net/uno[/url] dei beach bar storici di
> Anguilla, che tra le altre cose, deve la propria fama anche ai rinomati
> spettacoli di musica dal vivo della domenica pomeriggio, quando tutti
> assieme, anguillani e turisti, si riversano qui per divertirsi e ballare al
> ritmo caratteristico della famosa Scratch band.[url]http://www.youtube.com/watch?v=s_X4ldd0It0[/url]
>
> Upper Shoal Bay un incanto di spiaggia bianchissima incorniciata da una
> serie di lunghe palme,[url]http://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla048.html[/url]
> alcune delle quali completamente piegate dal vento, tuttavia rappresenta
> solo il preludio allo spettacolo indiscusso di Shoal Bay East, prolungamento
> naturale della stessa, che si raggiunge passeggiando brevemente lungo una
> sabbia ancor pi fine e bianca dello stesso borotalco. La passione che nutro
> nei confronti del mare, mi ha sovente indotto negli anni a viaggiare nel
> mondo alla ricerca di spiagge immacolate, ma per quanto ho avuto modo di
> vedere, non mi sento di dar completamente torto a quelle strane classifiche
> a cui tra l'altro non ho mai creduto, che collocano in assoluto Shoal Bay
> Easthttp://www.bnx.it/anguilla/slides/anguilla029.html[/color]
:-OOOOO
ma hai usato filtri o altre diavolerie per evidenziare i colori?

ciao
Rispondi citando Condividi su facebook
Rispondi


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Disattivato
Le faccine sono Disattivato
Il codice [IMG] è Disattivato
Il codice HTML è Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Creta Rodi o altro? Uno Nuovo Viaggi Forum Principale 104 29-03-2011 23.56.01
[RECE] Il mondo in un mercato Bnx Viaggi Forum Principale 14 27-02-2011 18.48.40
[RECE] Mozambico, Lichinga Vincio Viaggi Forum Principale 85 21-01-2011 12.24.32
[RECE] Lanzarote e Fuerteventura .*. Viaggi Forum Principale 0 10-06-2007 22.50.59
[RECE] Libia, marzo 2007 (seconda parte, solo testo) Maupiti Viaggi Forum Principale 150 10-06-2007 17.34.03


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 17.14.41.


www.ForumViaggiare.com
Ad Management by RedTyger