www.ForumViaggiare.com

Links Sponsorizzati


Torna indietro   www.ForumViaggiare.com > ForumViaggiare > Viaggi Forum Principale

Tags: , , ,

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalitŕ visualizzazione
  #1  
Vecchio 12-03-2010, 17.45.35
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito [RECE] Que linda es Cuba!

13 febbraio 2010…
Finalmente dopo lunga attesa (abbiamo preso i biglietti
Roma-Madrid-Havana a fine ottobre approfittando di una buona offerta sul
sito Govolo.it) si parte… volo Cagliari-Fiumicino (Alitalia-AirOne)
delle 15,25, prima destinazione Roma, dove passare la notte in attesa
del volo Roma-Madrid-Havana della mattina successiva, con la compagnia
Air Europa… per evitare spiacevoli inconvenienti con le coincidenze
abbiamo prenotato un hotel a Fiumicino che fa servizio navetta da e per
l’aeroporto, piuttosto che partire la mattina col primo volo da Cagliari
alle 6,30… non si sa mai che per qualsiasi motivo un ritardo ci
pregiudichi la vacanza…
Per quanto riguarda il soggiorno a Cuba abbiamo prenotato solo le prime
due notti all’Havana in una casa particular in Centro Havana (tramite il
sito casecuba.com), e prenotato il bus Viazul (dal sito ufficiale
viazul.com) per andare a Vinales il 16… il resto lo facciamo
direttamente sul posto per non avere vincoli, se un posto non ci piace
almeno possiamo andarcene senza dover disdire eventuali prenotazioni, e
viceversa… ah, abbiamo anche prenotato un taxi che al nostro arrivo
all’Havana ci porterĂ* dall’aeroporto alla casa (sempre tramite il sito
casecuba.com).

14 febbraio
Alle 7,30 siamo in aeroporto, il check-in ha appena aperto, presentiamo
biglietto, passaporti e visto turistico per Cuba, e in pochi minuti
abbiamo le nostre carte di imbarco. Il volo parte quasi puntuale, e dopo
un breve scalo a Madrid si riparte, con un’ora circa di ritardo (che
recupereremo durante il volo, che sarĂ* liscio come l’olio) anche se 10
ore in aereo sono pesanti... L’atterraggio all’Avana è infatti
puntualissimo, alle 19.40 ora locale.
Le solite lunghe procedure all’immigrazione cubana… fila di oltre 40
minuti al controllo passaporti, ci fanno una fotografia con una specie
di webcam, e non è ancora finita… dobbiamo anche compilare un modulo
sanitario per dichiarare che non siamo infetti dall’influenza AH1N1 e
che non siamo stati malati nell’ultimo periodo, che una solerte signora
ci aiuta a compilare, chiedendoci poi con assoluta non chalance se
abbiamo da regalarle una moneta da un euro… se da ogni passeggero a cui
lo ha chiesto lo ha avuto si è fatta certamente la giornata!!! Eh si,
siamo arrivati a Cuba!!! Ritiriamo i bagagli, per fortuna sono arrivate
entrambe le valigie!!! Con i voli con scalo non si sa mai…
Finalmente all’area arrivi, dove dovrebbe esserci il tassista che ci
aspetta. Dovrebbe, infatti… lo cerchiamo in lungo e largo, ma non si
trova, chiediamo a tutte le agenzie dell’aeroporto, cerchiamo di
contattarlo al telefono, andiamo da un banco informazioni all’altro… il
tassista non c’è… ci rassegniamo, cambiamo un pò di CUC alla Cadeca e
cerchiamo un taxi che ci porti in centro.
Arriviamo finalmente alla casa particular in calle Consulado, a due
passi dal Malecon e dal Paseo del Prado… ma ancora non è finita… la
signora Graciela presso la quale avevamo prenotato sta male, ha l’ernia
al disco, e altri vari acciacchi di varia natura… ci offre gentilmente
un caffè e ci spiega che non è in grado di accoglierci come si deve,
quindi ci ha trovato una casa nei pressi e fa venire il padrone di casa
a prenderci… per fortuna è lì a un tiro di schioppo, in calle Industria.
La signora Olga ci da le chiavi della casa, ci sistemiamo in camera
(piccola, con un bagno abbastanza ampio e molto pulita) e nonostante la
stanchezza ci facciamo un giro per il Paseo del Prado arrivando fino al
Capitolio… poi stremati ce ne andiamo a dormire, avremo tempo per vedere
l’Havana… ormai è passata la mezzanotte (che per noi sono le 6 di
mattina, quindi è quasi come aver passato la notte in bianco)…

15 febbraio
Ci svegliamo prestissimo, l’assorbimento del fuso non è semplice. Una
doccia rigenerante, desajuno preparato dalla padrona di casa, alla quale
regaliamo un piccolo vassoio di dolci sardi che avevamo portato, e via,
a piedi per le strade dell’Havana vecchia… mi accorgo che ho dimenticato
a casa il numero di telefono del signor Ignacio (referente locale del
sito Casecuba.com) che avrei dovuto contattare per il disguido del taxi
della sera prima, quindi rientriamo a casa a recuperare il numero… e,
coincidenza, sulla porta troviamo proprio il senor Ignacio, che è venuto
per scusarsi e restituirci i 25 CUC della corsa non fatta… gli dico di
tenerli per il taxi che ci avrebbe riaccompagnato all’aeroporto dieci
giorni piĂą tardi… il senor Ignacio è un pacioso signore di mezza etĂ*,
che ci spiega un paio di cosette su cosa fare e non fare a Cuba (non
cambiare soldi per strada, non comprare sigari o rum per strada,
attenzione a non lasciare oggetti incustoditi e via dicendo), ci
consiglia un eventuale tragitto (che poi è più o meno quello
preventivato da noi, con alcune differenze), ma gli dico che per me è la
terza volta a Cuba, e quindi sappiamo come muoverci. Ci lascia il suo
numero di telefono cellulare e ci dice che se abbiamo bisogno di avere
una casa in una qualsiasi altra cittĂ* basta mandargli un sms e la
prenoterĂ* lui per noi. Quindi gli diciamo che l’indomani andremo a
Vinales e si impegna a trovarci lui una buona sistemazione (per questo
servizio non ci ha chiesto niente, evidentemente ha le commissioni dalle
case in cui ci manda). Ci salutiamo e riprendiamo la via… il Paseo del
Prado pullula di bambini che fanno ginnastica, gente che va e che viene,
quell’odore di gasolina che avevo quasi dimenticato… le auto d’epoca che
non si capisce come facciano a camminare ancora… arriviamo al Parque
Central, dove una cinquantina di persone in piedi attorno alle panchine
discutono animatamente di “beisbol” e vari altri temi… da lì ci
immettiamo nella Calle Obispo passando davanti alla “cuna del daiquiri”,
il restaurante Floridita famoso per via di Ernest Hemingway, ma passiamo
oltre… la calle è affollatissima, con i suoi chioschi che vendono
panini, pizzette, gelati, i ristorantini e i gruppi musicali, le
librerie, le gallerie d’arte… c’è anche un piccolo mercatino con
bancarelle che vendono artigianato e non solo… alla cadeca cambiamo un
po’ di CUC (in una delle cadeca di Obispo ci sono anche degli sportelli
automatici aperti fino a tardi e si può prelevare anche con Carta di
Credito o Postepay, anche se conviene sempre cambiare contante per via
delle commissioni, ma in caso di emergenza possono rivelarsi utili).
Cambiamo anche qualche euro in Moneda Nacional, per assaggiare i panini,
le pizzette e i gelati che i chioschi vendono in MN e non in CUC…
Arriviamo alla Plaza des Armas dove stazionano i venditori di libri
usati, la maggior parte dei quali trattano temi riguardanti la
Revolucion… da li ci dirigiamo verso la chiesa di San Francisco de Asis…
entriamo… c’è in cantante che fa delle prove di canto… saliamo fin quasi
in cima al campanile da dove si gode una vista molto suggestiva della
cittĂ*… poi torniamo verso la Plaza de la Catedral, che troviamo aperta
(nelle mie precedenti due volte a Cuba non l’avevo mai trovata aperta)
ed entriamo, è davvero molto bella… un passaggio davanti all’altro
ristorante reso famoso da Hemingway, La Bodeguita del Medio… non
entriamo ad assaggiare il Mojito (lo fanno migliore in altri bar), ma
faccio a Paola la classica foto di rito! Proseguiamo la giornata
passeggiando per le strade e i vicoli, pieni di ogni tipo di umanitĂ*, di
odori… andiamo oltre il Capitolio, una capatina al piccolo Barrio Chino,
tutti posti che ho giĂ* visto e mai avrei pensato di rivedere se non
fosse che a Paola è balenata l’idea di questa vacanza a Cuba. Dopo
diverse ore di camminata rientriamo verso la casa, un piccolo descanso,
una doccia e usciamo per cena. Ci concediamo, prima di cenare, un mojito
nel patio dell’Hotel Inglaterra e poi andiamo in un ristorantino in
Calle Obispo. Ci arriva un sms da Ignacio, che ci conferma la
prenotazione di una casa a Vinales. Domani dobbiamo partire presto,
quindi la giornata si conclude qui.

16 febbraio
Alle 7,35, stranamente in anticipo di 10 minuti, il taxi che ci porterĂ*
al terminal della Viazul è giĂ* sotto casa. La stazione della Viazul è un
viavai di gente, la maggior parte turisti, alcuni tassisti abusivi che
si offrono di portarti dove devi andare al “mismo precio de Viazul”. Nei
bagni della sala d’attesa gli autisti dei pullman si fanno la barba
prima di partire… puntuali alle 9 partiamo alla volta di Vinales.
Durante il tragitto facciamo una deviazione e ci inoltriamo nel
complesso di “Las Terrazas”, una sorta di villaggetto dove c’è un
laghetto balneabile in mezzo a un piccolo bosco. Il tempo è inclemente,
piove e quindi rifugiamo nella caffetteria, ma non avremmo comunque
avuto il tempo di fare un tuffo nel lago, la sosta è di soli 10 minuti.
Ripartiamo. All’interno del bus la temperatura è quasi glaciale, l’aria
condizionata è sparata al massimo, due supercafone ragazze romane si
rivolgono in malo modo (della serie li mortacci tua) all’autista che
quasi quasi manco le degna di uno sguardo… e fa bene, direi, visto il
modo… scopriremo alcuni giorni dopo perché sui bus gli autisti tengono
l’aria così forte. Il motivo è che nei bus Viazul (made in China) non
c’è una bocchetta che spari aria sul lunotto dall’interno per evitare
che si appanni, quindi l’unico modo per evitarlo è tenere l’aria al
massimo. Piccola sosta a Pinar del Rio, dove alcuni scendono e altri
salgono. Arriviamo a Vinales intorno alle 12,30, e troviamo un signore
che ci aspetta con un cartello con i nostri nomi… Giovanni e Paola,
scritto “alla cubana ”Yobani y Paula”!
Pensiamo sia il proprietario della casa, ma scopriremo piĂą avanti che
così non è. Comunque sia ci conduce alla casa che Ignacio ci ha
riservato. Una deliziosa casetta celeste, con un piccolo patio e due
sedie a dondolo (a Vinales quasi tutte le case hanno i dondoli sul
patio), come avevo giĂ* visto su tanti siti di case particular che ho
visitato in preparazione al viaggio. Ci accoglie la moglie del signore,
Betty, una deliziosa e gentile signora che ha due figlie, una di circa
11-12 anni e una birba di 3 anni! Sandrita. La stanza è più grande
rispetto a quella della casa all’Havana e in più abbiamo pure un piccolo
“salottino” con due sedie di plastica!
Vinales è molto piccola, quindi come letto sulle guide non è che ci sia
ampia scelta di ristoranti. Per cui seguiamo il consiglio di cenare
nella casa in cui siamo ospiti. Ci accordiamo quindi con la signora. Il
signore ci chiede se l’indomani vogliamo fare una passeggiata a cavallo,
ma noi gli chiediamo se è possibile farla subito. Ci da l’ok e quindi
andiamo nella piazza centrale a mangiare un panino prima
dell’escursione. Alle 14 il chico coi cavalli è a casa. Gli chiedo il
prezzo, 5 CUC all’ora per una escursione di 4 ore… accettiamo e
partiamo. Siamo completamente digiuni di equitazione, il ragazzo ci
spiega come fare: tirate la briglia a destra e il cavallo va a destra,
tirate le briglie a sinistra e il cavallo va a sinistra, tirate entrambe
le briglie e il cavallo si ferma. Sembra facile. In effetti i cavalli
sono abbastanza mansueti, adatti anche per chi non ci è mai salito
sopra. Ci addentriamo nella campagna, per circa un’ora e mezza, fino ad
arrivare a una grotta: la Cueva del Silencio. Lì un signore armato di
pila ci conduce all’interno, per circa 300 metri (ma il signore ci dice
che la grotta prosegue nel sottosuolo per diversi chilometri)… ci sono
bellissime stalattiti e stalagmiti, e un laghetto dove volendo si può
anche fare il bagno, ma non siamo attrezzati e quindi rinunciamo.
Rimontiamo a cavallo, e ci dirigiamo a visitare un campo di tabacco e la
costruzione dove lo stesso viene messo a essiccare. Il contadino ci
illustra le varie fasi della coltivazione, della selezione delle foglie,
etc… poi ci fa vedere dove le foglie vengono messe a essiccare, ora è
tutto vuoto in quanto non è stagione di raccolto. Poi ci fa vedere come
fare un sigaro, e lo fumiamo seduta stante. Gli compriamo una piccola
quantitĂ* di sigari, ce li fumeremo al rientro a casa per non
dimenticarci i sapori cubani! A questo punto ci aspetta un’altra oretta
di passeggiata a cavallo per rientrare a Vinales. Arriviamo con le
chiappe un po’ indolenzite, ma ne è valsa la pena. Andiamo alla agenzia
Infotur per prenotare il taxi per l’indomani per andare a Cajo Jutias,
al costo di 17 pesos a persona, almuerzo incluso. E ora ci aspetta
l’aragosta per la cena! Betty ci prepara 3 enormi aragoste a la plancha
da mangiare in due (faticheremo un po’ per finirle), con il solito
contorno di riso e fagioli, e una buona Bucanero! Dopo cena ci ritiriamo
subito in camera, la stanchezza vince!

17 febbraio
Alle 9 puntualissimo arriva il taxi. Lo condividiamo con una coppia di
francesi. In circa un’ora siamo alla spiaggia di Cajo Jutias, sabbia
bianca e mare cristallino. Si differenzia dalle nostre spiagge della
Sardegna, da noi le palme non ci sono!!!
Il tempo è inclemente, tira un forte vento di mare, piuttosto fresco. Ci
inoltriamo lungo un sentiero in cerca di una baia riparata, e la
troviamo dopo una mezzora di camminata. Un pò di tintarella, giusto per
far rosicare i nostri amici al ritorno. All’orizzonte si materializzano
delle dense nuvole scure… riesco a farmi un bel bagno, per Paola l’acqua
è troppo fredda, e rimane sulla spiaggia. Quando le nuvole si fanno
sempre piĂą minacciose torniamo indietro, al chiosco dove dovremo
pranzare. Ci accomodiamo e pranziamo, con l’accompagnamento di un gruppo
che suona le classiche canzoni cubane, da Hasta Siempre Comandante a
Guajira Guantanamera… è la colonna sonora che accompagna il pasto, in
qualsiasi ristorante voi andiate c’è sempre un gruppo che allieta con la
musica. Dopo il pranzo il vento rafforza, è praticamente impossibile
trattenersi in spiaggia, quindi passeggiamo sulla riva, ben coperti. Lo
stacco tra il mare verde-azzurro e le nuvole grigio-nere ha un effetto
molto suggestivo! Rientrando a Vinales ci facciamo portare dall’autista
all’hotel Les Jazmine per fare un paio di foto dalla terrazza
panoramica. Poi torniamo all’Infotur per prenotare il transfer diretto a
Trinidad, per il 19. Abbiamo un po’ di tempo e ne approfittiamo per
gironzolare a piedi per le strade del paese, che è davvero molto
caratteristico. Quasi tutti qui hanno una camera da affittare ai
turisti, ed in effetti si nota rispetto ad altre parti di Cuba, un certo
benessere, se così vogliamo definirlo, tra la gente. I soldi dei turisti
contribuisco in un certo qual modo al benessere di questa comunitĂ* che
vive molto di turismo.
Cena a base di maiale, un pò di relax nelle sedie a dondolo sul patio,
nel frattempo chiediamo al marito di Betty di procurarci due mountain
bike per l’indomani, faremo una pedalata nei dintorni.
Decidiamo di andare a trascorrere un po’ di tempo al Polo Montanez,
forse l’unico locale danzereccio presente in paese, esclusi gli hotel
fuori cittĂ*… si paga un peso per l’ingresso, ci accomodiamo in un
tavolino e ordiniamo da bere. In men che non si dica arriva un signore
di mezza etĂ*, ubriaco fradicio, che invita Paola a ballare… che rifiuta,
allora invita me… e rifiuto pure io. Se ne va… dopo un po’ torna alla
carica… ma rinuncia subito e fa lo stesso con tutte le persone sedute ai
tavoli fino a che non viene portato via di forza da due robusti
buttafuori! Evidentemente qualcuna non ha gradito le insistenti avances…
a questo punto mi si presenta una tipica scena cubana di abbordaggio
(all’Havana la chiamano “mecanica”) che vede come protagonista il
turista maschio… vado in bagno, ovviamente da solo e mentre torno verso
il tavolo una chica (con annesso chulo) mi dice qualcosa che non sento,
la guardo e tiro dritto. Torno a sedermi e i due si sistemano nel tavolo
dietro il nostro… vedendomi giĂ* accompagnato si rassegnano e puntano le
loro attenzioni verso un altro tavolo dove siedono quattro ragazzi, poi
cosa succederĂ* dopo nessuno lo sa… finiamo i nostri cocktail e torniamo
a casa.

18 febbraio
Ci svegliamo presto, come sempre, ancora non ci siamo del tutto adattati
al nuovo fuso orario.
Mentre facciamo colazione arrivano le biciclette!
Verso le 10 ci incamminiamo sulla strada che porta fuori dal paese,
senza una meta precisa, con l’intento di inoltrarci nelle stradine
secondarie… ne imbocchiamo una e dopo un pò ci si para davanti uno
spettacolo raccapricciante: il mural de la preistoria! Una parete
rocciosa con dei dipinti dai colori sgargianti. Orde di turisti si
accalcano sotto per farsi fotografare, noi le diamo una rapida occhiata
da lontano e ce ne andiamo… ci ferma un ragazzo per chiederci se
vogliamo andare a vedere una famiglia che vive nei pressi e che fa una
sorta di acqua terapia, così mi è parso di capire, ma non ci si può
arrivare con le bici quindi rifiutiamo. Proseguiamo… Paola arranca in
salita, ogni tanto mi fermo per scattare qualche foto… a un certo punto,
mentre ero fermo per aspettarla, spunta da un cespuglio Juan, un anziano
contadino (ci dirĂ* poi che ha 60 anni, se è vero portati molto male),
che mi chiama… mi chiede se vogliamo visitare una cooperativa agricola e
che ci farĂ* da guida, ovviamente specifica che non vuole niente in
cambio… è in arrivo la prima fregatura del viaggio, ma ne siamo
consapevoli e oggi abbiamo l’animo buono… ci fa lasciare le bici dentro
una baracca che dice essere casa sua, dentro c’è un letto di fortuna e
un paio di benemerenze firmate da Fidel… poi ci porta in giro tra campi
coltivati e non, illustrandoci le piante e gli animali… a questo punto
inizia la commedia: ci racconta che ha un braccio infermo a causa di un
colpo di machete che si è dato da solo da giovane e non può più
lavorare, che è solo eccetera… iniziano le richieste… vorrebbe il mio
cappello da baseball in cambio della sua paglietta semidistrutta, ma
rifiuto lo scambio… poi passa direttamente al sodo. Vorrebbe che gli
dessimo soldi perché ha gli stivali di gomma distrutti e i piedi gli
fanno male e se li vorrebbe comprare nuovi… in effetti gli stivali che
ha indosso sono piuttosto malandati, ma fanno parte della commedia, così
come la baracca spacciata per casa sua… so giĂ* che saremo gli ennesimi
turisti che frega, ma gli do ugualmente qualche pesos, spero almeno si
sia fatto un buon bicchiere di ron alla nostra salute! Su un foglietto
ci scrive pure il suo indirizzo, vorrebbe che gli mandassimo le foto che
abbiamo fatto con lui. Gliele manderemo, e se gli arriveranno serviranno
certamente per dire ai prossimi polli che fermerĂ* che ha dei buoni amici
in Italia!
Mentre torniamo verso la strada altre persone lavorano ai bordi della
strada, e sicuramente pensano “eccoli qui i polli di oggi”! Proseguiamo
in bici.
Da ogni stradina secondaria sbuca gente che ti vuol fare da guida
impedendoci in pratica di farci una escursione “fuoripista” fai da te.
Per oggi abbiamo giĂ* dato e quindi proseguiamo per la strada principale,
fino a un certo punto dove la salita si fa impossibile per che non è
abituato al gran premio della montagna… e a questo punto torniamo
indietro. Non so quanti chilometri abbiamo fatto, forse una ventina. A
Vinales ci fermiamo per strada in un baretto che fa panini e ci
rilassiamo un pò. Un'altra breve pedalata, poi riportiamo le bici alla
casa e andiamo al parque a vedere le bancarelle di artigianato e
souvenir. Ci compriamo una bella tela per il nostro soggiorno alla
galleria d’arte per 15 pesos e un paio di maracas da regalare a 2 pesos.
Poi ci sediamo un pò in una panchina ad osservare i bambini che giocano
nella piazza e che si mettono in posa appena vedono qualcuno armato di
macchina fotografica. Un ultima passeggiata nei viottoli di Vinales,
domani partiremo di mattina presto, destinazione Trinidad.

19 febbraio
Notte agitata… anche se non siamo in Messico, Montezuma si manifesta
intensamente… passo una notte travagliata, praticamente dormo in bagno…
con un po’ di preoccupazione andiamo a prendere il bus, ci aspettano 7
ore di trasferimento, e fortuna che Montezuma si è sfogato di notte e
durante il viaggio mi lascia tranquillo… per la gioia di Paola che era
un po’ preoccupata.
Arriviamo a Trinidad intorno alle 16. Dovrebbe aspettarci sul posto
qualcuno, ma non lo troviamo… arriverĂ* un po’ in ritardo, era andata al
terminal Viazul anziché al Parque Central dove è arrivato il nostro bus.
Un bici taxi ci porta a casa. La padrona di casa, signora Olga, è una
persona squisita. Ci rilassiamo un pò, una passeggiata per il centro, e
passiamo all’Infotur per vedere il catalogo delle escursioni da fare (ci
sono diverse opzioni interessanti) io non ho granchè voglia di mangiare,
lo stomaco è parecchio agitato… Paola prende un panino in un baretto e
alle 19 ci ritiriamo, il viaggio mi ha finito di devastare… cose che
capitano.
Meno male che è capitato in un giorno che era giĂ* deciso sacrificare al
trasferimento in bus e inoltre stava pure piovendo per gran parte della
giornata!!!

20 febbraio
La notte passa tranquilla, per fortuna il malessere sta passando…
facciamo un giro a Trinidad, tra le sue viuzze acciottolate, e le sue
case coloniali così fatiscenti eppure così fascinose… andiamo alla
cadeca a cambiare un po’ di CUC. Al Parque Central c’è una
manifestazione sportiva di bambini, tipo i nostri vecchi “Giochi della
Gioventù”, col solito palco dove un signore tesse le lodi
dell’educazione fisica nella corretta crescita dei giovani
rivoluzionari. Poi andiamo all’Infotur a prenotare un’escursione per il
giorno successivo… abbiamo deciso per Santa Clara, per visitare il
Mausoleo del Che e il Tren Blindado. A Santa Clara praticamente si fece
la storia di Cuba, crediamo sia affascinante vedere quei posti (che
abbiamo visto da poco nel film con Benicio del Toro). Solo che per
l’indomani la gita prevede, oltre a Santa Clara, il pacchetto con
Cienfuegos (che ci interessa tanto quanto). Allora optiamo per una
escursione di montagna: Topes de Collantes, e Sendero Caburnì, una zona
di montagna a un’ora da Trinidad, a 800 metri d’altitudine. Le foto
illustrative sono molto accattivanti. Santa Clara la lasciamo alla
prossima volta a Cuba, se ci sarĂ*…
Vista la bella giornata decidiamo di andare a prendere costume e
asciugamano e prendere il bus che porta a Playa Ancon. Solo che il bus
oggi non fa servizio. Contrattiamo con un tassista, il prezzo per il
tragitto è 8 CUC e ci dice che se troviamo altre due persone possiamo
fare taxi collettivo sempre per 8 CUC. Troviamo due turisti (credo nord
europei dalle fattezze di poche parole) diretti anche loro alla Playa e
dividiamo il taxi con loro. La spiaggia è molto bella, sabbia
bianchissima e mare azzurro. Si fatica a stare sotto il sole, ma non me
la sento di fare il bagno, l’acqua è un po’ fredda e ho paura che possa
rinvigorire Montezuma… mi rifugio quindi sotto una palma, in relax.
Paola si gode il sole. Dopo un paio d’ore torniamo al piazzale dei taxi,
e ci uniamo a 2 francesi e uno spagnolo per il solito taxi collettivo e
rientriamo a Trinidad. Ci rinfreschiamo e andiamo a fare due passi per
vedere un'altra parte di Trinidad. Anche qui abbiamo optato per la cena
nella casa dove alloggiamo, la signora Olga è un’ottima cuoca. Peccato
non poterne approfittare appieno, sono un pò inappetente in questi
giorni. La signora Olga rimane male al fatto che praticamente non mangio
quasi nulla, crede non mi piaccia la sua cucina, allora le spiego che
sono ancora con lo stomaco in disordine e lei, molto carinamente, mi
prepara una camomilla!
Dopo cena decidiamo di andare alla Casa della Musica, a berci un
cocktail (anzi, per l’esattezza un refresco de limon, di rum non ho
molta voglia…) e ad ascoltare della musica dal vivo. Un nugolo di
arzilli ballerini locali coinvolgono le turiste piĂą coraggiose nei passi
di salsa. Poco prima della mezzanotte rientriamo a casa.

21 febbraio
L’appuntamento per la partenza a Topes de Collantes è alle 8,45.
Ci caricano su un vecchio camion militare sovietico adattato a mezzo di
trasporto turistico.
Con noi ci sono anche due coppie, una svedese e una svizzera. Il camion
è piuttosto scomodo ma molto suggestivo. Tempo 60 minuti arriviamo ad un
grosso e orrendo albergo dove carichiamo a bordo la guida. Yasmani, un
ragazzo di circa 25 anni che ci parla di cucina macrobiotica che ha
imparato da un italiano, dev’essere un cubano fricchettone!
Ci illustra il processo di tostatura del caffè, tutto rigorosamente
artigianale. Alla Casa del Caffè ci offrono un espresso, l’unico caffè
del viaggio, e devo dire che non era malaccio.
Poi arriviamo al Sendero Caburnì, un sentiero in mezzo alla foresta che
ci porterĂ* a un laghetto con le cascate. Il cartello dice che il
percorso si fa in 45 minuti, ma Yasmani dice che nemmeno di corsa in 45
minuti ci si riesce. In effetti camminiamo per quasi un’ora e mezza…
l’andata è in discesa, ci preoccupiamo un po’ per il ritorno, ma ora
godiamoci il panorama… arrivati al laghetto con le cascate abbiamo circa
un’ora e mezza di relax, ci siamo portati costume e asciugamano per fare
il bagno nel laghetto. L’acqua è pulita, ma gelida. Yasmani dice che è a
18 gradi, secondo me qualcuno di meno. Mi faccio coraggio e mi butto…
Paola tocca l’acqua e rinuncia. Rimango a mollo qualche minuto, poi il
freddo prende il sopravvento… farĂ* bene alla circolazione, ma mi sto
ibernando! Riprendiamo la via del ritorno… che faticaccia… il ritorno si
fa tutto in salita, abbiamo bisogno di un paio di soste per riprendere
il fiato… appena arrivati su ci dissetiamo avidamente per la gioia del
signore che gestisce il chiosco bar… Rientriamo a Trinidad, è il momento
di rigovernare le valigie, domattina si torna all’Havana… usciamo per le
vie di Trinidad dopo il tramonto e al Parque Central veniamo “abbordati”
da un ubriaco con una smisurata passione per la Sicilia… ci racconta di
un suo amico siciliano… poi mi nomina un certo “Michael Coglione”… lì
per lì resto basito e non capisco bene se mi stia insultando… poi mi
nomina Lucky Luciano, allora lì capisco che il Michael di prima era
Corleone… ci siamo fatti delle sonore risate poi ripensandoci… l’ubriaco
era in compagnia della zia e di un amico, erano molto simpatici. Ci
hanno invitato a seguirli in un bar, ma per noi era ora di cena e
abbiamo declinato l’invito. Ci godiamo l’ultima passeggiata nella
fantastica Trinidad, domani si parte all’alba e dopo cena non abbiamo
molta voglia di uscire! Al momento di pagare la padrona di casa ci
scrive un carinissimo biglietto di ringraziamento!

22 febbraio
Alle 6,15 la signora Olga ci prepara la colazione. Dobbiamo essere alle
6,50 al terminal Viazul.
Il bus parte puntuale, passiamo la mattina in bus. Fuori piove a
dirotto. Da questo punto di vista siamo stati fortunati. Ha piovuto solo
durante gli spostamenti in bus. Arriviamo all’Havana alle 12,30, in
anticipo rispetto all’orario previsto. Al Terminal Viazul i tassisti
fanno “cartello”, vogliono 8 CUC per andare a Centro Havana… per andare
me ne avevano chiesto 5… contrattando scendiamo a 7, ma tanto sanno che
o vai con loro o niente, per cui rinunciamo e andiamo per 7…
Non siamo nella stessa casa dei primi giorni… praticamente siamo nel
palazzo di fronte a quella che sarebbe dovuta essere la nostra prima
casa, in Calle Consulado. La nuova casa pullula di gente! Ci abitano due
coppie, due nonne e vari altri personaggi di cui non capiamo i ruoli…
una simpaticissima famiglia allargata! Uno dei padroni di casa, Enrique,
ci propone la cena, e ci dice che la sera ha una tavolata di 11 persone,
svizzeri, che però cenano alle 7, per noi è un pò presto, quindi ci
preparerĂ* un tavolo per le 8. Intanto ha smesso di piovere quindi
usciamo a girovagare per i vicoli dell’Havana, prima del tramonto. Ci
inoltriamo dietro l’Hotel Inglaterra, fino a una piazza che costeggia
l’Avenida de Italia (conosciuta anche come Galiano), a pochi passi dalla
Casa della Musica. Ci passiamo davanti con l’idea di tornarcila sera
stessa oppure il giorno dopo. Fanno due serate: il “matinee” dalle 17
alle 21, poi dalle 23 alle 3 di mattina. Dall’Avenida de Italia
sbuchiamo sul Malecon, attraversiamo la strada di corsa, le auto
sfrecciano… ci facciamo una lunga passeggiata per vedere il tramonto sul
lungomare… ci sono persone che pescano, anziani signori in vena di
romanticismo, giovani coppie locali e non… Ceniamo a casa, poi usciamo a
prendere una boccata d’aria e a sederci nei tavolini di un bar a bere
qualcosa e ascoltare un po’ di musica… per stasera bocciamo l’ipotesi
Casa della Musica e rincasiamo presto…

23 febbraio
Oggi abbiamo intenzione di girare la cittĂ* con l’Havana Bus Tour.
Sono 3 linee di bus turistici:
La T1 che ha pullman scoperti che fanno un giro dal Parque Central alla
Plaza de la Revolucion.
La T2 che va dalla Plaza de la Revolucion alla Marina Hemingway e al
prezzo di 5 CUC danno l’opportunitĂ* di salire e scendere dai bus per
tutta la giornata
La linea T3 che porta alle Playas del Este è a parte, per questa si
pagano 3 CUC a/r con possibilitĂ* di fermata alla Fortaleza Cabana e al
Castillo del Morro.
Come prima tappa andiamo in Plaza de la Revolucion per le foto-ricordo
di rito con la parete del ministero dell’industria che raffigura il Che.
Nel palazzo accanto hanno fatto la stessa cosa con l’effigie di Camilo
Cienfuegos, altro eroe nazionale. La Plaza de la Revolucion non offre
altro, ci tratteniamo una mezzora in attesa del bus T2 per arrivare fino
a Marina Hemingway attraverso il quartiere di Miramar… sappiamo che
Marina Hemingway non è la localitĂ* dove si trova la casa di Hemingway ma
decidiamo comunque di andare a vedere, giusto per curiositĂ*… costeggiamo
il bellissimo cimitero monumentale Cristobal Colon, forse varrebbe una
visita, ma andiamo oltre, passiamo attraverso Miramar, la cura delle
strade, il traffico d’auto “moderne”, villette con giardini molto ben
curati che stridono con la realtĂ* decadente dei vecchi quartieri…
arriviamo a Marina Hemingway… una delusione… un porticciolo con molo e
una serie di residence in stile occidentale (sembra un villaggio
vacanza) che nulla ha a che vedere con il contesto dell’Havana. Facciamo
un paio di passi sul molo e arriva una solerte guardia che molto
gentilmente ci comunica che è vietato passeggiare sul molo e fare foto.
Il molo è pieno di barche a vela, yacht e quant’altro, un paradiso per
diportisti… in prevalenza ho notato barche battenti bandiera canadese.
Il tempo di un gelato e riprendiamo il bus per tornare indietro. Ci
facciamo lasciare dall’autista al Vedado, di fronte all’hotel Riviera,
per andare a vedere il mercatino dell’artigianato e comprare qualche
cianfrusaglia da regalare al ritorno ad amici e parenti… ci fermiamo in
un chiosco e un signore che chiede l’elemosina (al quale diamo qualche
peso in moneda nacional) ci tiene una interessantissima lezione di
storia, elencandoci una serie di fatti e personaggi legati alla
Revolucion, passando, quando gli dico che siamo italiani, anche per
Mussolini e Hitler!
Torniamo al Parque Central, mangiamo un panino e prendiamo la linea T3
per andare alle Playas del Este, solo per dare un’occhiata, e andare poi
al Castillo del Morro. Arriviamo davanti all’hotel Tropicoco e ci
dirigiamo verso la playa… molto bella, la giornata di sole ha spinto
parecchie persone verso Santa Maria… tanti turisti e anche qualche
cubano, nonostante per loro sia la stagione fredda. Non essendo
attrezzati per la tintarella diamo una rapida occhiata e torniamo alla
fermata del bus. Scendiamo alla Fortaleza Cabana e andiamo a vedere il
Castillo del Morro, dove ci sono alcune bancarelle di oggetti
artigianali e tutti cercano di convincerci a comprare qualcosa.
Torniamo al Parque Central e ci dirigiamo verso casa, ci riposeremo un
pò prima della cena.
Andiamo a cena in calle Obispo, in un grazioso ristorante con il solito
gruppo musicale che non può mancare. Finiamo di cenare e ci dirigiamo
verso la Casa della Musica… siamo decisi ad entrare, nonstante siamo un
pò stanchi, ma non c’è quasi nessuno, sembra una serata deludente, non
so se dipenda dal fatto che oggi è martedi, ma decidiamo di desistere
dall’idea e risparmiarci i 10 CUC a testa dell’ingresso. Semi-delusi ci
riavviamo verso il Parque Central per riprendere la via di casa…

24 febbraio
L’ultimo giorno di vacanza… prepariamo le valigie e chiediamo a Maritza
(la moglie di Enrique) se possiamo lasciarle lì, fino alle 18 quando
arriverĂ* il taxi a prenderci. No problem, sono davvero molto gentili
(addirittura ci dicono che se vogliamo fare una doccia prima di partire
possiamo farla). Stamattina andiamo al grande mercatino che si trova di
fronte al porto, in un grandissimo capannone a circa 10 minuti di
cammino dalla Plaza des Armas, andando verso destra. E’ enorme, e ci
sono tante cosettine interessanti, quadri, ceramiche, lavori in legno di
tanti tipi, un posto ottimo per scegliere i souvenir. Poi decidiamo di
andare a visitare la fabbrica di sigari Partagas, appena dietro al
Capitolio. Davvero interessante, si vedono tutte le fasi di lavorazione
dei sigari, dalla selezione delle foglie fino all’imballaggio, ed è
tutto, ma proprio tutto, fatto a mano.
Per pranzo mangiamo due panini presi in un chioschetto in MN, poi
facciamo un pò orario al parque central in attesa di rientrare a casa
per cambiarci e partire… sigh! A questo punto ci ferma un signore, che
si siede nella panchina dove siamo seduti. Comicia a parlare… dice di
essere Luis Jorge Romero (campione centroamericano di boxe nel 70,
mondiale all’Havana nel 74 e che ha partecipato alle Olimpiadi di Mosca
nell’80 come allenatore)… ho poi cercato su Internet, ed il nome esiste
solo che non ci sono foto per verificare se sia lui davvero…
chiacchieriamo un pò, ci racconta che negli anni 90 è stato a Milano per
un breve periodo a fare l’istruttore di boxe. Gli offriamo una birra, e
lui ci da una banconota da 3 pesos (quella introvabile con l’effigie di
Che Guevara, credo che i locali le facciano sparire dalla circolazione
per venderle ai turisti) autografata. A questo punto mi chiede se gli
scatto delle foto, se voglio scambiare la maglia con la sua (ho indosso
una maglia originale del Cagliari Calcio regalatami da un giocatore e
rifiuto, ovviamente…) fino ad arrivare a chiedermi se gli lascio il
resto del bar… sfortunatamente per lui il conto fa cifra tonda… non
desiste, mi chiede una banconota da 5 euro a suo dire per una
fantomatica collezione… alla fine ci chiede delle penne, che abbiamo in
un astuccio e gliene diamo un paio. Forse sperava di racimolare un pò di
piĂą, ma oltretutto eravamo pure noi a corto di pesos! Verso le 17
rientriamo alla casa, ci cambiamo, e nell’attesa chiacchieriamo con la
nonna di Enrique e un’altra signora che stirava in casa… alle 18 in
punto, sotto la pioggia che nel frattempo ha iniziato a scendere, arriva
il taxi. Arriviamo in aeroporto e ci mettiamo in coda al check-in, con
la tristezza nel cuore… la vacanza è terminata. Il viaggio di ritorno si
rivela piĂą lungo del previsto a causa di vari ritardi a Madrid e
Fiumicino, arriviamo alla destinazione finale, Cagliari, esattamente 24
ore dopo!

Conclusioni:
Che dire? Un viaggio a Cuba vale sempre la pena, talmente tante
sarebbero le cose da vedere. Mancavo da 7 anni e sono cambiate tante
cose… girano sicuramente più soldi tra i cubani, probabilmente le
rimesse degli emigrati stanno facendo in modo che si creino classi
sociali (chi ha parenti all’estero, o chi vive a contatto con turismo e
turisti) e riceve soldi sta molto meglio di chi non li ha…), ormai tanti
habaneri hanno cellulari ultimo grido, vestono alla moda (anche se non
proprio all’ultimo grido…), alcuni vanno in vacanza a Varadero… cose
forse impensabili fino a pochi anni fa… anche sull’aereo, sia in andata
che in ritorno, c’era una forte percentuali di cubani. Non so se siano
cose che nei precedenti viaggi non avevo notato, ma la cosa mi ha colpito.

Lato economico:
Per i due biglietti aerei Roma-Madrid-Havana A/R abbiamo speso 1120 euro
(acquistato in ottobre tramite GoVolo con la compagnia Air Europa).
Per i visti abbiamo speso 70 euro, tramite un’agenzia.
Purtroppo per noi, che viviamo in Sardegna, abbiamo la “condanna”, ogni
volta che vogliamo viaggiare, di mettere in conto anche il biglietto
Cagliari-Roma (o Milano a seconda dei casi) e sono altri 260 euro… e
stavolta anche un pernottamento in hotel (+ cena + navetta A/R) a
Fiumicino per evitare di perdere le coincidenze della mattina presto…
altri 150 euro…
Comunque, la spesa totale alla fine della giostra, tutto, ma proprio
tutto compreso (pure le sigarette comprate al duty free dell’aeroporto
di Madrid) è stata di poco più di 2500 euro, in due.
Se fossimo stati, per esempio, di Roma invece che di Cagliari avremo
speso 2100 euro per tutto…
Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #2  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #3  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
Links Sponsorizzati
Advertisement
  #4  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #5  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #6  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #7  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #8  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #9  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
  #10  
Vecchio 12-03-2010, 17.46.41
the the
 
Messaggi: n/a
Predefinito Re: [RECE] Que linda es Cuba!

è la mia prima recensione, spero di non essere stato prolisso
:-)
Rispondi citando Condividi su facebook
Rispondi


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalitŕ visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB č Disattivato
Le faccine sono Disattivato
Il codice [IMG] č Disattivato
Il codice HTML č Disattivato
Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Esperienze a cuba e cayo largo in settembre. Bnx Viaggi Forum Principale 163 19-07-2010 03.46.34
CUBA: 15 giorni in libertŕ.... TuristiFaiDaTe Viaggi Forum Principale 187 14-06-2007 16.36.16
Viaggio a Cuba TuristiFaiDaTe Viaggi Forum Principale 16 10-06-2007 17.48.52
Viaggio a Cuba Bnx Viaggi Forum Principale 16 10-06-2007 17.48.45
compagni/e di viaggio per Cuba metal Viaggi Forum Principale 30 10-06-2007 17.35.54


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 13.20.44.


www.ForumViaggiare.com
Ad Management by RedTyger